Il mal di schiena nei bambini è sempre più diffuso

Roberta Camisasca
A cura di Roberta Camisasca
Pubblicato il 08/11/2018 Aggiornato il 08/11/2018

Il mal di schiena nei bambini è colpa di sedentarietà, dispositivi digitali e cattive abitudini. Basta un’ora di movimento al giorno per diminuirlo e, se non passa, un consulto dall’osteopata

Il mal di schiena nei bambini è sempre più diffuso

Il mal di schiena nei bambini colpisce sempre di più, sempre più precocemente e anche in modo intenso. E se la colpa è da attribuire in larga parte alla postura china su tablet e pc, fare sport in modo regolare può ridurre davvero il rischio di sviluppare lombalgie.

Tanta sedentarietà

Sempre più spesso i bambini iniziano a soffrire di mal di schiena intorno agli 11 anni e la colpa è di abitudini scorrette, mancanza di sport e passatempi sedentari anche negli anni precedenti: in Italia molti bambini praticano sport solo un’ora a settimana, la maggior parte ha la televisione in camera, in molti passano più di due ore al giorno davanti a tv e videogiochi. Questo è un fattore di rischio per il mal di schiena: i bambini aumentano di peso, si muovono di meno, fanno meno attività sportiva e poi arriva il dolore.

Poco sport

Se si vuole prevenire il mal di schiena nei bambini, è importante innanzitutto ridurre l’utilizzo giornaliero di tablet, smartphone e videogames. L’ideale sarebbe praticare almeno un’ora di attività fisica ogni giorno, sport, gioco all’aria aperta, corsa o passeggiata. Lo sport aiuta a contrastare sedentarietà e cattive abitudini posturali.

Iniziare presto

Si deve iniziare già dai 6 anni, preferibilmente sport individuali, come arti marziali e nuoto, perché il bambino inizia ad avere consapevolezza del proprio corpo, poi dagli 8 ai 12 anni può passare a uno sport di squadra. Poi per il mal di schiena ci sono alcuni sport più indicati di altri. L’equitazione, per esempio, migliora la postura e l’equilibrio, a differenza del nuoto, della danza classica o del tennis.

Un aiuto dall’osteopata

Nel caso in cui i primi dolori e fastidi alla schiena siano già insorti, ci si può rivolgere all’osteopata, che fa una prima valutazione clinica generale: verifica l’armonia della colonna vertebrale, l’appoggio podalico, la masticazione, il sovrappeso, l’aspetto psicologico, perché la postura risente delle emozioni. Laddove si riscontrano dei problemi, dei paramorfismi o dimorfismi, scoliosi già strutturate o ipercifosi, si invia il bambino da uno specialista ortopedico.

 

 
 

Forse non sapevi che…

Una postura sbagliata non significa maggior rischio di patologie della colonna vertebrale, come la scoliosi e la cifosi, in cui gioca un ruolo importante l’assetto genetico e familiare.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti