Il nuoto può migliorare il lessico dei bambini

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 13/09/2021 Aggiornato il 13/09/2021

Un’attività fisica “automatica” come il nuoto stimolerebbe in maniera positiva il cervello, aiutando a ricordare meglio nuovi vocaboli

Il nuoto può migliorare il lessico dei bambini

Che il nuoto sia uno sport benefico, a maggior ragione per i bambini, è ormai accertato e risaputo da tutti. Ma ora uno studio, condotto da un’equipe di ricercatori statunitensi, dell’Università del Delaware, suggerisce un nuovo inaspettato vantaggio legato alla pratica di questa attività fisica: un miglioramento del linguaggio e del vocabolario. Secondo quanto scoperto dagli autori, i bambini che fanno nuoto potrebbero avere un lessico più ricco dei loro coetanei.

Focus sull’età scolare

Lo studio, che è stato pubblicato sul Journal of Speech, Language and Hearing Research, ha coinvolto complessivamente 48 bambini e ragazzi, di età compresa fra i 6 e i 12 anni. A tutti, gli autori hanno insegnato nuove parole. Poi li hanno divisi in tre gruppi: un gruppo è stato invitato a praticare nuoto, uno a colorare e uno a seguire una lezione di CrossFit. Successivamente, i partecipanti sono stati sottoposti ad alcuni semplici test di controllo finalizzati ad analizzare vocabolario e lessico.

Il movimento fa bene al cervello

Analizzando i risultati del test, gli autori dello studio hanno scoperto che i bambini che avevano nuotato vantavano maggiori competenze linguistiche rispetto agli altri. Ricordavano, infatti, più parole nuove. In effetti, è risaputo che l’esercizio fisico fa bene anche al cervello. “L’esercizio è noto per aumentare i livelli di fattore neurotrofico derivato dal cervello, importante per il sistema nervoso” hanno spiegato gli esperti. Fare movimento, dunque, potrebbe aiutare anche a codificare e imparare nuovi vocaboli.

Il nuoto non sottrae energia “intellettuale”

Come mai nuoto e CrossFit non hanno generato gli stessi effetti?  

Gli esperti hanno spiegato che i due sport non richiedono la stessa quantità di energia al cervello. Il nuoto, da questo punto di vista, è meno faticoso: molti bambini, infatti, sanno già nuotare, per cui non hanno bisogno di grande concentrazione per farlo. In ogni caso, si tratta di uno sport più “automatico”, che non ha bisogno di troppe istruzioni. Al contrario, il CrossFit è un’attività sconosciuta a molti, per cui richiede più attenzione. Questo, in qualche modo, sottrarrebbe energia mentale, andando a compromettere l’apprendimento di nuove parole.

 
 

Un consiglio

Al di là dei possibili effetti sul vocabolario, il nuoto è uno sport completo e benefico a tutti i livelli. I genitori che non sanno ancora quale attività fisica far praticare ai figli potrebbero dunque tenerlo in considerazione.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti