Imparare le tabelline: ecco tutti i trucchi utili

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/06/2014 Aggiornato il 13/06/2014

Imparare le tabelline è l’incubo di tutti i bambini e anche di molti genitori. Niente panico, però: uscire indenni si può. Ecco come 

Imparare le tabelline: ecco tutti i trucchi utili

Il bambino è alle prese con le tabelline? Allora è probabile che le cene, gli spostamenti in auto, il momento pre-nanna e non solo diventeranno in breve tempo sessioni di studio e ripasso. E che i numeri si trasformeranno nell’incubo di tutta la famiglia. A meno che non si adotti qualche trucco. Già, perché aiutare il piccolo nell’impresa titanica delle tabelline è possibile. Anche per chi non è portato per la matematica. Ecco qualche idea.

Usare i colori

Gli esperti suggeriscono di preparare, per ogni tabellina, una scheda divisa in due parti: cinque numeri vanno messi sulla colonna di destra e cinque su quella di sinistra. Inoltre, ciascuna scheda va colorata con un colore diverso. Si tratta di semplici espedienti che sembrano facilitare la memorizzazione.

Sì alle App

I bambini amano la tecnologia. Perché allora non sfruttarla a proprio vantaggio? Esistono App, applicazioni per telefonici e tablet, appositamente studiate per aiutare i piccoli a imparare le tabelline, come Imparare le tabelline divertendosi. Provare per credere.

Creare delle canzoncine

Può essere utile anche provare a “cantare” le tabelline al bambino. In pratica, mamma o papà possono ripetere ogni tabellina dandosi una sorta di ritmo e melodia e poi chiedere al figlio di imitarli. Esistono poi speciali libri, come quelli di Mela Music, che insegnano cantando le tabelline ai bambini

Un cruciverba speciale

Per coinvolgere il piccolo e farlo divertire, provare a realizzare un cruciverba ad hoc. In che modo? Basta mettere al posto delle definizioni le moltiplicazioni. La soluzione da inserire nello schema sarà il risultato dell’operazione.

Via libera ai giochi

Tutti i bimbi sono animati da un senso di competizione più o meno forte. Ecco perché un’altra buona strategia consiste nell’organizzare piccole gare fra fratelli o fra cugini. Per esempio, si può stabilire che il primo a rispondere in modo esatto alla moltiplicazione proposta dai genitori vince un punto e chi arriva ai dieci punti ottiene un premio.

In breve

AIUTARE SENZA PRESSARE

Se il bambino impiega un po’ a imparare le tabelline, non arrendersi e non preoccuparsi. Ciascuno, infatti, ha i suoi tempi e non va pressato. Altrimenti si rischia di metterlo maggiormente in difficoltà. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti