Internet: così fa bene anche ai ragazzi!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/02/2015 Aggiornato il 13/02/2015

Inutile demonizzare il web: a piccole dosi e in modo corretto aiuta lo sviluppo dei ragazzi. Ecco i consigli elaborati dalla Società italiana di pediatria, dalla Polizia di Stato e da Facebook

Internet: così fa bene anche ai ragazzi!

Proibire o incentivare? E come? I dubbi non sono mai troppi per quanto riguarda i bambini alle prese con le insidie e i pericoli che si nascondono dietro le nuove tecnologie e il web. In aiuto dei genitori arriva il vademecum stilato dalla Sip (Società italiana di pediatria), Polizia di Stato e Facebook sul tema della sicurezza in rete, disponibile in tutti gli studi e ambulatori dei medici associati Sip.

Coinvolti già i bambini delle primarie

Il web e internet non interessa più solo gli adolescenti, ma sempre di più anche tantissimi preadolescenti alle soglie delle scuole medie, che trascorrono buona parte del proprio tempo in rete. Fin dalle primarie, quindi, è importante porsi il problema di Internet e decidere come affrontarlo.

Piace quasi al 90 per cento dei ragazzi

Come ha rilevato l’Indagine nazionale della Società italiana di pediatria “Abitudini e stili di vita degli adolescenti 2014”, la quasi totalità degli adolescenti ha internet sempre a portata di mano, in qualunque momento della giornata. E se all’87,6% piace il web perché si può stare in contatto con gli amici, per il 60,2% è assolutamente irrinunciabile.  

Attenzione agli abusi

Secondo il presidente della Sip, Giovanni Corsello, i social network non vanno demonizzati, perché hanno anche aspetti di grande utilità e socializzazione. Il problema sorge quando esagerano. L’abuso di internet da parte degli adolescenti può avere effetti negativi tanto sulla salute quanto sulle relazioni sociali sino a poter sfociare in vere e proprie psicopatologie (per esempio, l’internet addiction).

Dannoso proibirlo

I pediatri lanciano anche l’allarme però sull’eccesso di proibizionismo che i genitori potrebbero attuare nei confronti dell’uso di internet e dei nuovi mezzi di comunicazione. Così facendo potrebbero, infatti, scatenare un effetto opposto e controproducente: gli adolescenti che non possono utilizzare internet o il cui accesso è fortemente limitato sono emarginati dall’ambiente culturale condiviso dai loro coetanei. Al contrario coloro che utilizzano troppo il web, finiscono automaticamente con l’escludersi dalle interazioni sociali.

Depressione per chi li usa troppo o troppo poco

I grandi utilizzatori di internet al pari di coloro che lo usano troppo poco (meno di un’ora a settimana) o per nulla, costituiscono le categorie maggiormente a rischio di depressione, cefalea, disturbi del sonno, sovrappeso ed obesità.

INSTALLA SEMPRE IL PARENTAL CONTROL

 

 
 
 

IL CONSIGLIO IN PIÙ

Parlare con i ragazzi

Tra i consigli degli esperti sulla sicurezza on line il più importante è quello di parlare con i propri figli di sicurezza e tecnologia per far capire loro che internet non è un mondo virtuale, ma parte della vita reale e pertanto è bene essere consapevoli di eventuali pericoli.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Utero setto: operare o no prima di una gravidanza?

17/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

La tendenza di oggi è di non intervenire sempre e comunque in caso di utero setto, ma solo in determinate condizioni.  »

Gravidanza e dubbi sulla vitamina D

17/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La vitamina D, anche se assunta in dosi superiori al fabbisogno, non provoca danni al feto.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti