La ginnastica mentale aiuta i bambini in matematica?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/04/2014 Aggiornato il 09/04/2014

Un recente studio dimostra che i bambini che eseguono determinati esercizi mentali riescono ad apprendere meglio la matematica

La ginnastica mentale aiuta i bambini in matematica?

Non siete mai stati particolarmente bravi con le tabelline e temete che anche i vostri bambini possano avere qualche problema con la matematica? Niente paura, anche a questo c’è rimedio. Quale lo spiega uno studio condotto da un gruppo di ricercatori americani, del dipartimento di psicologia dell’università dell’Illinois.

Stretching mentale

La ricerca ha coinvolto 100 bambini di prima elementare, di entrambi i sessi. Gli autori li hanno divisi in due gruppi e hanno chiesto a uno dei due di svolgere semplici esercizi di “stretching mentale”. In pratica, i piccoli dovevano esercitarsi ogni giorno a stimare le quantità degli oggetti che vedevano nel corso delle loro attività, per esempio guardando la tv  o a scuola, e quelli rappresentati su apposite schede. In alcune di queste schede erano raffigurate diverse quantità di pallini misurabili istintivamente, in altre forme più o meno lunghe o luminose ma non quantificabili.

Risultati incoraggianti

In un secondo momento, tutti i bambini sono stati invitati a eseguire una serie di esercizi e problemi di matematica. Ebbene, dall’analisi dei risultati è emerso che i piccoli che si stavano esercitano con la “ginnastica mentale” presentavano migliori competenze cognitive per la matematica. Gli autori hanno spiegato che il “senso approssimativo dei numeri” è un’abilità innata, che è presente cioè fin dalla nascita, anche negli uomini. È sufficiente dunque allenarla, anche semplicemente esercitando lo sguardo, per migliorare l’apprendimento della matematica. 

In breve

CONSIGLI UTILI PER MAMMA E PAPA’

Per aiutare i bambini con la matematica può essere utile stimolarli a contare anche nella vita di tutti i giorni e durante il gioco: per esempio, chiedere loro di prestare lo stesso numero di pennarelli a ciascun membro della famiglia o di dire, dopo aver osservato l’orologio, quanti minuti mancano all’inizio del programma preferito in tv.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo nato prematuro con broncodisplasia severa: quando potrà fare a meno dell’ossigeno?

19/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Non è quasi mai possibile prevedere quando un piccolissimo con un severo problema all'apparato respiratorio potrà rinunciare al supporto dell'ossigeno.   »

Sertralina in gravidanza: meglio diminuire la dose giornaliera?

14/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In genere il dosaggio medio indicato per la sertralina è tra i 50 e i 150 mg al giorno: se si sta già assumendo una quantità minima rispetto alla posologia può non essere opportuno ridurre ulteriormente la dose, specialmente di propria iniziativa.   »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti