Lezioni all’aperto: si impara di più

Metella Ronconi Pubblicato il Aggiornato il 05/08/2018

Le lezioni all’aperto sembrano potenziare le capacità di apprendimento dei bambini. Ecco perché

È quanto sostiene una ricerca americana che ha rilevato una maggiore concentrazione negli alunni grazie al cosiddetto “effetto natura”, che non distrae, anzi può aiutare i bambini a concentrarsi di più e quindi a migliorare il rendimento scolastico. Ecco perché le lezioni all’aperto funzionano.

Un’aula nel bosco

Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Frontiers in Psychology, è stato condotto da gruppo di ricercatori che ha sperimentato le lezioni all’aperto in alcune scuole del Midwest degli Stati Uniti. La ricerca si è basata sul comportamento di bambini fra i 9 e i 10 anni. Per 10 settimane un gruppo di psicologi ha proposto, con il consenso dei genitori, che alcune delle lezioni si svolgessero in un luogo all’aperto, con prati, alberi e spazi naturali “con vista bosco”, a poca distanza dalla scuola. Gli alunni dovevano percorrere alcuni metri fuori dall’istituto per raggiungere la nuova “aula” dove i professori tenevano le lezioni all’aperto.

Quattro parametri 

Dopo questa esperienza il grado di coinvolgimento degli alunni è stato valutato con quattro parametri diversi:

  1. la percezione dell’insegnante sul livello d’impegno della classe;
  2. la valutazione degli stessi bambini sull’impegno dei loro compagni di classe;
  3. la frequenza dei richiami da parte degli insegnanti sull’attenzione dei bambini durante la lezione;
  4. la valutazione di un osservatore esterno sul grado di coinvolgimento degli alunni.

È risultato che nelle lezioni al chiuso seguite a quelle all’aperto il numero di volte in cui l’insegnante ha dovuto reindirizzare l’attenzione degli studenti si era dimezzato.

Meglio anche i compiti

Osservatori esterni hanno sottolineato inoltre come i bambini abbiano mostrato più attenzione anche nei compiti. L’esperienza all’esterno ha infatti permesso agli insegnanti di tenere lezioni in aula, ininterrottamente, per quasi il doppio del tempo. Secondo il coordinatore dello studio, la ricerca è servita a scoprire un nuovo metodo per insegnare ai bambini e al tempo stesso rinfrescarne la memoria per la lezione successiva.

 

 

 
 
 

In breve

SERVONO ULTERIORI STUDI

Adesso i ricercatori hanno in programma ulteriori esperimenti su alter classi diverse con insegnanti “scettici” rispetto a questo tipo di insegnamento, per vedere se la tecnica può funzionare in altre scuole e altre condizioni.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti