Matematica: bravi si nasce

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/01/2014 Aggiornato il 09/01/2014

Lo sostiene uno studio americano, secondo cui il senso primitivo dei numeri è una qualità misurabile anche sui neonati e predice future doti in matematica

Matematica: bravi si nasce

Fin dai primi mesi di vita è possibile capire se un bambino sarà bravo in matematica. Lo stabilisce uno studio del Duke Institute for Brain Sciences (Usa), secondo cui il senso dei numeri è innato e non si acquisisce con l’allenamento come invece sostenuto da altre ricerche. La ricerca, pubblicata sulla rivista scientifica Pnas, è stata condotta dalla psicologa e neuroscienziata Elizabeth Brannon.

Una virtù innata

Secondo la specialista, i bambini nascono con un “senso primitivo dei numeri”: coloro che possiedono questa virtù innata, già a 6 mesi sono in grado di riconoscere, tra due insiemi di oggetti contenenti un numero di elementi diversi, quello più numeroso. Il cosiddetto “senso primitivo dei numeri” (o “approximate number system”) è quello che consente alle persone di stimare, a colpo d’occhio, i posti liberi di un teatro o le persone presenti in  una piazza e che li predispone a ottenere migliori risultati in matematica. E, a quanto pare, non ha limiti di genere.

Test sui bambini di 6 mesi e 4 anni

I ricercatori hanno sottoposto bambini tra 6 mesi e 4 anni di età a test e giochi di matematica. Il primo esperimento consisteva nel mostrare ai piccoli di 6 mesi 2 monitor: sul primo, erano proiettati insiemi di elementi numericamente equivalenti, mentre nel secondo il numero degli elementi variava. Gli scienziati hanno notato che alcuni bambini si soffermavano di più sul monitor con gli insiemi che variavano. Gli stessi sono stati sottoposti ad altri studi 3 anni più tardi: è emerso che coloro che avevano ottenuto i punteggi più alti nel primo test avevano sviluppato un senso primitivo dei numeri più spiccato e una maggiore predisposizione naturale per la matematica.

In breve

RICERCA IMPORTANTE PER LA SCELTA DEGLI STUDI

La scoperta potrebbe essere utile per orientare le scelte didattiche dei bambini, spronandoli a sviluppare le loro abilità di calcolo.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti