Prima mestruazione precoce? Cuore a rischio

Laura de Laurentiis A cura di Laura de Laurentiis Pubblicato il 08/03/2018 Aggiornato il 05/08/2018

Avere la prima mestruazione prima dei 12 anni aumenta il rischio di infarto e ictus in età adulta. Lo stesso vale per la menopausa prima dei 47 anni

Prima mestruazione precoce? Cuore a rischio

Da un maxi studio condotto dall’epidemiologo Sanne Peters del The George Institute for Global Health, Università di Oxford, è emerso che la comparsa del menarca (prima mestruazione) prima dei 12 anni di età si associa a un rischio superiore di andare incontro a infarto e ictus in età adulta rispetto a quello cui sono esposte le donne che si sviluppano più tardi. Ma non solo: anche un arrivo precoce della menopausa, caratterizzata dalla scomparsa del flusso mestruale come conseguenza della cessata dell’attività delle ovaie, potrebbe costituire un fattore favorente nei confronti delle più severe malattie cardiovascolari.

Lo studio su uomini e donne

Lo studio, che è stato pubblicato sulla rivista scientifica Heart, ha preso in considerazione i dati relativi a 267.440 donne e 215.088 uomini, nessuno dei quali era colpito da una malattia cardiovascolare all’inizio della ricerca. Per circa sette anni è stato monitorato lo stato di salute di tutti i partecipanti, permettendo così di registrare il verificarsi di 9.054 casi di problemi cardiovascolari (ictus e infarto), di cui circa un terzo (34%) tra le donne.

I risultati

Al termine del progetto è stato rilevato che nelle donne in cui la prima mestruazione era comparsa prima dei 12 anni di età c’era il 10% di probabilità in più di andare incontro a un evento cardiocircolatorio avverso rispetto a coloro in cui il menarca si era manifestato dopo i 13 anni. In più, si è avuto modo di osservare che anche una menopausa prima dei 47 anni aumenta sensibilmente il rischio di malattie cardiovascolari: del 33% per tutte le patologie e addirittura del 42% per quanto riguarda l’ictus.

Le regole salvacuore

Posto che tutte le persone dovrebbero seguire le regole che favoriscono il benessere del sistema cardiovascolare (arterie e cuore) allo scopo di prevenire infarto e ictus, a maggior ragione dovrebbero osservarle con scrupolo le donne che hanno avuto il menarca prima dei 12 anni (e la menopausa prima dei 47 anni).  Eccole:

  • mantenere sempre il peso ideale;
  • ridurre al massimo il consumo di zuccheri semplici e grassi animali;
  • tenere il livelli di colesterolo totale sempre al di sotto della soglia di rischio;
  • non fumare e svolgere abitualmente un’attività fisica dolce (camminare, ballare, andare in bicicletta)

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

L’inizio della pubertà femminile è segnalato dalla comparsa del bottone mammario: il fenomeno è definito “telarca”.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti