Miopia dei bambini: più si studia e più si rischia?

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 26/01/2023 Aggiornato il 26/01/2023

Il tempo trascorso leggendo e studiando potrebbe amplificare il ruolo di alcune varianti genetiche che aumentano il rischio di sviluppare la miopia nei bambini. Ecco come proteggere i loro occhi

La miopia nei bambini è in continuo aumento. molte le cause

Negli ultimi anni si è assistito a un netto aumento del numero dei bambini soggetti a miopia: le ragioni non sono certe, ma sono state formulate diverse ipotesi. Fra queste, anche quella secondo cui un ruolo determinante potrebbero averlo gli anni trascorsi sui banchi di scuola. La conferma a questa ipotesi arriva da una ricerca condotta da un team di studiosi del Regno Unito, dell’Università di Cardiff, da cui emerge che più tempo si trascorre studiando e più accresce il rischio di diventare miopi.

Come vede chi ha la miopia?

La miopia è il difetto visivo più diffuso assoluto e consiste nella difficoltà a mettere bene a fuoco gli oggetti che si trovano a una certa distanza da sé. È dovuta all’aumentata lunghezza del bulbo oculare, causata da un eccessivo accrescimento dell’occhio: in genere, l’occhio miope è più lungo della media. I soggetti miopi vedono male e sfocato da lontano, per questo tendono a strizzare gli occhi, così da cercare di mettere meglio a fuoco.

Miopia nei bambini: quali sono le cause?

Le cause della miopia non sono note. Si conoscono però alcuni fattori di rischio: uno dei più importanti è sicuramente la famigliarità. I bambini che hanno mamma, papà o entrambi miopi hanno un rischio più elevato della media di sviluppare il disturbo a loro volta. Anche gli anni trascorsi sui libri di scuola avrebbero un ruolo importante, per colpa dell’elevato tempo trascorso guardando da vicino durante la lettura, le lezioni e lo studio. A confermarlo è anche il nuovo studio, pubblicato su PLOS Genetics .

Gli autori hanno esaminato 340mila persone attraverso sofisticate indagini genetiche, per studiarne il Dna. Inoltre, tutti i partecipanti, che erano di discendenza europea, sono stati invitati a rispondere a una serie di domande sulla loro vita e sulle loro abitudini. Dall’analisi dei risultati, è emerso che esistono cinque varianti genetiche associate a un rischio maggiore di sviluppare la miopia. Ebbene, si è visto che gli anni trascorsi sui banchi di scuola sono in grado di amplificare gli effetti di queste varianti, accrescendo il rischio. La relazione genetica-scuola-miopia era particolarmente diffusa tra chi aveva frequentato l’università e dunque aveva studiato a lungo.

 

 

 
 
 

In sintesi

Come si elimina la miopia?

La miopia si può correggere con apposite lenti correttive oppure ricorrendo alla chirurgia refrattiva, che con determinate strumentazioni laser migliora o elimina il difetto. 

Come si può bloccare la miopia nei bambini?

Esistono alcune buone abitudini che aiutano a rallentare la progressione della miopia, fra cui trascorrere del tempo all’aria aperta, illuminare correttamente la stanza in cui si studia, fare delle pause quando si legge e si sta al computer o si usano tablet e telefonino.

 

Fonti / Bibliografia

  • Miopia: lieve, moderata o elevata. Cosa fare e correzione - ISSaluteLa miopia è un difetto della vista che provoca la visione sfocata degli oggetti lontani, mentre la visione da vicino è nitida o, comunque, buona. Generalmente si manifesta in età scolare e tende ad aumentare nel periodo dello sviluppo fino a stabilizzarsi dopo i 20-25 anni di età. Approfondisci le cause, come evitare i fattori di rischio
  • 400 Bad Request
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti