Obesità infantile: attenzione al rischio depressione

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/07/2016 Aggiornato il 29/07/2016

Tra i problemi che comporta l'obesità infantile, studi recenti hanno annoverato anche il rischio di depressione. Ecco perché

Obesità infantile: attenzione al rischio depressione

L’obesità infantile è, purtroppo, in costante aumento. Il problema dell’obesità infantile affligge una buona fetta di bambini e preadolescenti, esponendoli a numerosi rischi per la salute sia fisica sia psichica. Tra questi rischi, uno studio ha annoverato anche la depressione.

Allarme isolamento

L’obesità infantile rappresenta ancora una sorta di segno distintivo che rischia di allontanare il bambino dalle relazioni con i coetanei. Infatti, essere obesi può diventare un marchio che porta i piccoli all’isolamento. E la rinuncia ad amicizie e vita sociale attiva, durante l’infanzia, conduce a serie forme di depressione. Ancora più avvilenti, considerato il fatto che si tratta di bambini.

Analizzati più di mille bambini

La ricerca che ha correlato obesità nell’infanzia a rischio depressione, è stata condotta in Usa e ha coinvolto un significativo numero di bambini. Nello specifico, il campione dello studio è stato composto da 1.164 alunni di prima elementare dell’Oklahoma. Di questi alunni, è stato analizzato il tasso di obesità, ma non solo. Infatti, a essere monitorata in modo approfondito è stata anche la vita psichica dei piccoli. Bambini obesi di cui la maggior parte era bianca e di ceto sociale povero e la parte restante indiano-americana.

Attenzione tra 6 e 11 anni

Negli Usa, il problema dell’obesità infantile è forse ancor più marcato, se si considera che addirittura un bambino su 20 si può ritenere obeso già in tenera età. Inoltre, l’obesità in età infantile è in crescita costante ed è quadruplicata nella fascia di età compresa tra 6 e 11 anni.

Anche altri problemi

Da questi studi è emerso che i bambini obesi sono tendenzialmente più introversi e che piacciono meno ai coetanei. Il rischio depressione può quindi colpire anche bambini di 6 anni. Ma non esiste solo la depressione per questi bambini: l’obesità, infatti, provoca anche un minor profitto scolastico e una maggior possibilità di abbandonare gli studi. Nei bambini obesi, insomma, si genera un circolo vizioso che porta addirittura a progressioni gravi del problema. Infatti, un bambino isolato e triste tende a mangiare sempre di più per compensare i vuoti, cedendo alla malsana fame nervosa.

 

 

 
 
 

In breve

PREVENZIONE NON SOLO A TAVOLA

La prevenzione dell’obesità infantile deve passare sia attraverso l’educazione alimentare e la promozione dello sport, sia da una rieducazione sociale già in tenera età.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutto è ok, ma la gravidanza non si annuncia

21/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le ragioni per le quali una donna fatica a rimanere incinta sono numerose: l'età matura è una delle principali.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti