Obesità infantile: cresce il numero di bambini italiani colpiti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/10/2014 Aggiornato il 16/10/2014

Secondo gli ultimi dati, i bambini italiani sono sempre più cicciottelli: il 15% è affetto da obesità infantile e il 30% da sovrappeso. Ecco perché

Obesità infantile: cresce il numero di bambini italiani colpiti

Nonostante le campagne di informazione e gli allarmi degli esperti, la situazione non sembra affatto migliorare. Al contrario: l’obesità infantile è sempre più diffusa. La conferma arriva da un’indagine condotta dall’Osservatorio nutrizionale Grana Padano.

Analizzati oltre 2.000 bambini

Lo studio ha coinvolto 2.062 bambini e ragazzi: 1.390 ha un’età compresa fra i 6 e i 10 anni e 672 tra gli 11 e i 13 anni. Tutti sono stati invitati a compilare, con l’aiuto dei genitori, un questionario riguardante le abitudini alimentari, la dieta seguita e l’attività fisica praticata. Inoltre, i ricercatori hanno sottoposto i partecipanti ad alcune misurazioni antropometriche, come dell’altezza, del peso e dell’Imc (un valore ottenuto, dividendo il peso corporeo espresso in chilogrammi per l’altezza in metri al quadrato). Lo scopo era capire quanti di loro fossero affetti da obesità infantile o, comunque, presentassero un eccesso di chili.

La metà pesa più del dovuto

I risultati rivelano che la situazione attuale non è affatto positiva. In totale, quasi la metà dei bambini italiani pesa più di quanto dovrebbe: il 15% è obeso e il 30% è in sovrappeso. Le ragioni? Sotto accusa, in particolare, la dieta proposta dai genitori e lo stile di vita poco attivo.

Cattive abitudini diffuse soprattutto fra i più piccoli

Paradossalmente, le cattive abitudini sono diffuse soprattutto fra i bambini più piccoli, che dovrebbero essere quelli maggiormente seguiti da mamma e papà. L’indagine svela, infatti, che i ragazzini della fascia d’età 6-10 anni che praticano uno sport rappresentano solo il 9,9% del totale. Nella fascia d’età 11-13 anni la percentuale quasi raddoppia, salendo al 18,2%. Non va meglio sul fronte dell’alimentazione. Fra i bimbi più piccoli il consumo di frutta, legumi e verdura è molto più scarso rispetto ai ragazzi più grandi. In particolare, sotto i 10 anni diminuisce l’introduzione di frutta, legumi, pomodori, broccoli, cavolfiore, cavoletti, carote, zucchine, fagiolini, peperoni e verdure verdi. Anche il pesce non sembra particolarmente gradito nei primi anni di vita: i consumi sono quasi dimezzati rispetto a quelli registrati dagli 11 ai 13 anni.

Il ruolo dei genitori

“La vita sedentaria e la scarsa attività fisica potrebbero spiegare l’eccessivo aumento del peso dei bambini più piccoli, mentre le cattive abitudini alimentari e la scarsa introduzione di fibra potrebbero concorrere a peggiorare il quadro metabolico” ha commentato Michela Barichella, responsabile della Struttura di dietetica e nutrizione clinica agli Istituti Clinici di Perfezionamento di Milano. Ecco perché i genitori hanno un ruolo fondamentale nella lotta all’obesità infantile: spetta a loro trasmettere sane abitudini di vita ai figli.

 

In breve

FARE PESARE IL BIMBO DAL PEDIATRA

L’obesità infantile e il sovrappeso possono essere sottostimati, specialmente fra i 4 e gli 8 anni. Anche perché per molti genitori grasso è bello. Per questo, è fondamentale che il pediatra controlli sempre il peso del bambino, confrontandolo con le tabelle di riferimento. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti