Obesità: più a rischio i figli di genitori single

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 27/07/2014 Aggiornato il 27/07/2014

Secondo un recente studio, l’obesità è più comune fra i bambini che hanno un solo genitore. Ecco perché

Obesità: più a rischio i figli di genitori single

L’obesità infantile è in continuo aumento. La colpa potrebbe non essere solamente dell’alimentazione sempre più sbilanciata e dello stile di vita sedentario. Anche la crisi che sta colpendo la famiglia tradizionale potrebbe avere un peso. Lo suggerisce un recente studio, realizzato da un team di ricercatori australiani, dell’Istituto australiano di sanità.

Esami e questionari

La ricerca è stata condotta su un gruppo di bambini di entrambi i sessi. Tutti sono stati sottoposti ad alcuni esami, per valutarne le condizioni di salute e il peso. Inoltre, sono stati invitati a rispondere a dei questionari sulla propria famiglia. Lo scopo era capire se fra rischio di obesità e tipo di nucleo famigliare ci fosse qualche associazione.

Avere due genitori protegge dal sovrappeso

Gli autori hanno scoperto che una parte dei partecipanti alla ricerca stava crescendo con un solo genitore, mentre il resto in un nucleo famigliare tradizionale. Ebbene i bambini del primo gruppo avevano maggiori problemi di peso. L’incidenza di sovrappeso e obesità, infatti, era pari al 35% fra i figli di genitori single e al 24% fra i bimbi che vivevano con entrambi i genitori.

Le ragazze sono più vulnerabili

I risultati hanno rivelato, inoltre, che un bambino che era obeso o sovrappeso a nove anni presentava quasi il 25% di probabilità di esserlo anche a 14. Non solo. Si è visto anche che il sesso femminile era più vulnerabile a obesità e sovrappeso.

In breve

COLPA DELLE DIFFICOLTÀ ECONOMICHE

I ricercatori hanno spiegato che probabilmente i ragazzini con un solo genitore mangiano peggio e frequentano meno corsi sportivi rispetto a quelli che vivono sia con la mamma sia con il papà. Infatti, provengono da famiglie con più difficoltà economiche. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti