Occhiali per il 13% dei bambini tra 6 e 14 anni

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/09/2016 Aggiornato il 22/09/2016

Ogni anno si spendono 72 milioni di euro solo per le montature degli occhiali dei bambini. Spesso i genitori si accorgono tardi del problema visivo

Occhiali per il 13% dei bambini tra 6 e 14 anni

Sono tanti i bambini che hanno problemi di vista. Molto spesso il disagio è ignorato dai genitori che si accorgono delle difficoltà del piccolo solo quando inizia la scuola elementare e non riesce a vedere bene la lavagna. Da qui il ricorso agli occhiali. I segnali, invece, sono abbastanza evidenti, basta prestarvi attenzione e portare subito il bimbo dall’oculista. 

I segnali da osservare

Il dato certo è che dai 3 ai 14 anni, circa il 13% dei bambini porta gli occhiali perché non vede bene. Molto spesso, però, il disturbo dei piccoli viene individuato in ritardo, di solito quando il bimbo inizia la scuola elementare e deve concentrarsi a guardare la lavagna o leggere sui libri, e per questo lamenta mal di testa o strizza gli occhi. È importante fare caso agli atteggiamenti che adotta in situazioni simili e, nel dubbio, sottoporlo a una visita oculistica.

Una spesa notevole

Sono ben 900 mila i bambini costretti, per via della crescita, ma anche per incidenti, traumi o perché si sono persi gli occhiali, a rifare la montatura in media una volta all’anno. Lo afferma il pediatra Italo Farnetani, che ha svolto una ricerca fra insegnanti e pediatri. È stato così stimato in 72 milioni di euro la spesa annua a carico delle famiglie per rifare gli occhiali.

Anche lenti a contatto

“Se gli occhiali sono ben fatti e su misura, il bambino li porterà volentieri perché così vede meglio – sostiene Farnetani -. Contribuiscono a dargli fiducia e a infondergli sicurezza e autostima. Ciò non toglie che spesso, in caso per esempio di attività fisica, gli occhiali vengano sfilati e messi nello zaino, per evitare di romperli. In questo caso il bambino finisce per vedere peggio e questo incide sulla sua prestazione e soprattutto sull’autostima. Ecco perché suggerisco di valutare l’uso delle lenti a contatto fin da piccoli, per consentire al bambino di muoversi in sicurezza, vedere bene, ottenere buoni risultati nello sport e non sentirsi a disagio”.

Non dimenticare gli occhiali da sole

I bambini italiani non portano occhiali da sole e invece dovrebbero. Farnetani conferma che proteggere la vista dei piccoli dai raggi del sole è molto importante. “Mancano almeno 6 milioni e 700.000 occhiali da sole – osserva -. I bambini italiani infatti non li portano quasi mai, a differenza dei genitori che, forse più per moda che per la salute degli occhi, a volte non li tolgono nemmeno quando non servono. Ebbene, è importante che i piccoli prendano a modello i genitori”, conclude.

 

 
 
 

In breve

I VANTAGGI DELLE USA-E-GETTA

L’uso delle lenti usa e getta, con la loro breve “vita”, riduce il rischio d’infezioni e contaminazioni. Inoltre, le lenti, che si possono impiegare comodamente mentre fa sport, permettono al bambino di vedere bene e di migliorare la sua performance. 

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La “piaghetta” del collo dell’utero ostacola il concepimento?

05/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

L'ectropion della cervice non ostacola la possibilità di dare inizio a una gravidanza.   »

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti