Oli essenziali: attenzione ai bambini (maschi)

Più a rischio l’olio di lavanda e il “tea tree” in quanto potenziali interferenti endocrini: gli oli essenziali potrebbero causare ginecomastia nei maschi in età puberale

L’aromaterapia aiuta nella ricerca del benessere. In casa, al lavoro, in macchina, i profumi possono far vivere meglio gli spazi quotidiani. Attenti, però, se ci sono bambini in casa: gli oli essenziali potrebbero, infatti, causare problemi durante la pubertà.

Aromaterapia sotto esame

Gli oli essenziali vengono indicati come potenziali interferenti endocrini() e, in quanto tali, potrebbero provocare lo sviluppo delle ghiandole mammarie nei maschi in età puberale. È quanto sostiene uno studio del National Institute of Environmental Health Sciences (Niehs). In particolare, gli oli di lavanda e di “tea tree” potrebbero essere responsabili nei maschi in età puberale di ginecomastia, ossia lo sviluppo anomalo del seno. I diversi agenti chimici contenuti negli oli essenziali potrebbero, infatti, disturbare l’attività degli ormoni, rafforzando l’azione degli estrogeni a danno del testosterone.

Antinfiammatori e antimicotici

Usati per la profumazione degli ambienti ma contenuti anche nei prodotti per l’igiene della casa o personale, gli oli essenziali sono molto utilizzati anche come antinfiammatori e antimicotici. Secondo gli autori dello studio andrebbero, però, usati con cautela per i potenziali rischi legati alla loro inalazione. I composti chimici di olio di lavanda e di albero del tè  (tea tree) sono stati analizzati a seguito di diverse segnalazioni di casi di ginecomastia tra bambini  fra i 4 e i 10 anni esposti a prodotti contenenti oli essenziali.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Ci sarebbe un nesso di causalità tra l’esposizione agli aromi degli oli essenziali e la ginecomastia nei bambini maschi. Gli esperti raccomandano cautela in attesa di ulteriori esami e in mancanza di una regolamentazione specifica.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti