Pipì a letto per un bambino su 5: cause e rimedi

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 22/01/2018 Aggiornato il 10/08/2018

L’enuresi notturna, ossia la pipì a letto, se non trattata per tempo, può causare problemi allo sviluppo del bambino. Ecco come intervenire

Pipì a letto per un bambino su 5: cause e rimedi

Il bambino fa ancora la pipì a letto? L’enuresi notturna colpisce in Italia ben un piccolo su 5 e riguarda quasi due milioni di italiani: 1,2 sono bambini. Inevitabili le ripercussioni psicologiche, fondamentale la diagnosi precoce. Nonostante la diffusione elevata, tuttavia, il problema della pipì a letto è sottostimato.

I fattori all’origine

L’enuresi è determinata da una triade di fattori: la carenza dell’ormone antidiuretico (Adh), l’iperattività del muscolo detrusore della vescica e la difficoltà nel risveglio. L’approccio al problema può essere esemplificato in tre fasi: togliendo al bambino il senso di colpa, spiegandogli che si tratta di una condizione frequente ed esprimendogli comprensione nei confronti del suo disagio, parlando del problema con il pediatra

Attenzione dopo i 5 anni

Le forme non complicate (in cui l’unico sintomo è legato alla perdita notturna di pipì) devono essere trattate dal pediatra, mentre i casi complessi meritano di essere posti all’attenzione dell’urologo pediatra. La soglia dei 5 anni è determinante, perché prima non può essere formulata una diagnosi di enuresi: se oltre questa età gli episodi si ripetono con discreta frequenza, accompagnati da poche richieste da parte del bambino di urinare durante il giorno, è bene approfondire la questione

Gli esami da fare

Dopo i 5 anni il pediatra può prescrivere degli accertamenti. In genere: esami del sangue (per esempio il dosaggio di zucchero nel sangue, in quanto il diabete è una delle cause principali di enuresi), valutazioni urologiche (alcune infezioni delle vie urinarie e una malattia chiamata “reflusso vescico-ureterale” possono causare un controllo inadeguato degli sfinteri) e neurologiche.

I farmaci da prendere

Quando il bambino fa ancora la pipì a letto si ricorre anche a una terapia farmacologica a base di desmopressina, una molecola che incrementa l’attività antidiuretica. Si assume sotto la lingua e nelle due ore precedenti occorre limitare al minimo l’introduzione di liquidi. La terapia va seguita per almeno due mesi e poi ridotta in maniera graduale, fino alla sospensione. 

 
 
 

Da sapere!

Per contrastare il problema della pipì a letto sono utili anche alcune precauzioni: non far bere troppo il bambino nelle ore che precedono il riposo e non dargli a cena alimenti troppo ricchi di sodio e calcio.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Quinta malattia: sono incinta e forse sono stata contagiata: che fare?

20/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

Nel caso in cui vi sia il dubbio di essere state contagiate dal parvovirus B19, è opportuno effettuare il test per la ricerca degli anticorpi specifici. Questa analisi dle sangue permette di capire se si è state colpite o no dall'infezione.   »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti