Primo vaccino anti Hpv 9-valente disponibile in Italia

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 27/04/2017 Aggiornato il 27/04/2017

È disponibile anche in Italia il nuovo vaccino anti Hpv 9-valente, efficace contro 9 tipi di Papillomavirus umano: potrà evitare circa il 90% dei tumori del collo dell’utero

Primo vaccino anti Hpv 9-valente  disponibile in Italia

Il nuovo vaccino anti Hpv 9-valente protegge contro 9 tipi di Papillomavirus (Hpv), riuscendo a prevenire fino al 90% dei tumori del collo dell’utero. Finalmente disponibile anche in Italia, è indicato in adolescenti maschi e femmine dai 9 anni di età per prevenire le lesioni precancerose, i tumori di collo dell’utero, vulva, vagina, ano e i condilomi genitali.

Alto rischio cancro

Sette ceppi (16, 18, 31, 33, 45, 52 e 58) dei 9 tipi di Hpv inclusi nel vaccino sono ad alto rischio oncogeno e causano nel mondo circa il 90% dei tumori del collo dell’utero, il 90% dei casi di cancro anale Hpv correlati e circa l’80% delle lesioni cervicali di alto grado. I 2 tipi a basso rischio oncogeno 6 e 11, oltre a essere causa del 90% dei condilomi genitali, causano cancro della vagina, del pene, della vulva e dell’ano.

Protezione quasi totale

Il nuovo vaccino anti Hpv 9-valente ha un potenziale di prevenzione del 90% per il cancro del collo dell’utero, del 75-85% per le lesioni precancerose, dell’85-90% per il cancro della vulva, dell’80-85% per il cancro della vagina, del 90-95% per il cancro dell’ano e del 90% dei condilomi genitali. Inoltre, ha dimostrato di essere efficace nel prevenire il 97,4% delle lesioni di alto grado della cervice uterina, della vagina, della vulva e dell’ano e dei cancri cervicale, vaginale e vulvare causati dai 5 ulteriori tipi oncogeni di Hpv (31, 33, 45, 52, 58).

Al quarto posto per frequenza

Il tumore al collo dell’utero è il quarto tumore più frequente nelle donne nel mondo e il secondo nelle giovani donne (15-44 anni). L’infezione da Papillomavirus, però, non colpisce solo le donne: circa il 70% dei maschi la contrae durante la vita. In Italia è stata anche dimostrata una maggiore prevalenza di condilomatosi nel sesso maschile, soprattutto sotto i 25 anni. Ecco perché la vaccinazione anti-Hpv è stata estesa ai maschi adolescenti dal nuovo Piano nazionale di prevenzione vaccinale 2017-2019, incluso nei Livelli essenziali di assistenza.

Tra i 9 e i 14 anni

La vaccinazione deve essere somministrata prima di entrare in contatto con il virus, per avere la massima protezione. L’età ideale è fra i 9 e 14 anni: in Italia la strategia scelta consiste in una somministrazione a 2 dosi fino a 14 anni, con 3 dosi dopo i 14 anni.

 

 
 
 

lo sapevi che?

In 9 Regioni (Trentino, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Molise, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna) viene effettuata la vaccinazione universale contro l’Hpv, applicata anche al maschio.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ancora podalico in 31ma settimana
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il bambino può "mettere la testa a posto", ossia assumere la posizione cefalica, anche quando mancano solo poche settimane alla data del parto.   »

Dopo il vaccino niente farmaci per più di un mese?
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'indicazione di non somministrare alcuna medicina (escluso l'antifebbrile) nelle sei settimane successive alla vaccinazione è scorretta.   »

Gemellino che all’improvviso si comporta male
03/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Dietro ad atteggiamenti che all'improvviso diventano aggressivi e difficili da gestire c'è sempre una rabbia che il bambino deve imparare ad allontanare. Fargliela disegnare può essere d'aiuto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti