Primo vaccino anti Hpv 9-valente disponibile in Italia

È disponibile anche in Italia il nuovo vaccino anti Hpv 9-valente, efficace contro 9 tipi di Papillomavirus umano: potrà evitare circa il 90% dei tumori del collo dell’utero

Il nuovo vaccino anti Hpv 9-valente protegge contro 9 tipi di Papillomavirus (Hpv), riuscendo a prevenire fino al 90% dei tumori del collo dell’utero. Finalmente disponibile anche in Italia, è indicato in adolescenti maschi e femmine dai 9 anni di età per prevenire le lesioni precancerose, i tumori di collo dell’utero, vulva, vagina, ano e i condilomi genitali.

Alto rischio cancro

Sette ceppi (16, 18, 31, 33, 45, 52 e 58) dei 9 tipi di Hpv inclusi nel vaccino sono ad alto rischio oncogeno e causano nel mondo circa il 90% dei tumori del collo dell’utero, il 90% dei casi di cancro anale Hpv correlati e circa l’80% delle lesioni cervicali di alto grado. I 2 tipi a basso rischio oncogeno 6 e 11, oltre a essere causa del 90% dei condilomi genitali, causano cancro della vagina, del pene, della vulva e dell’ano.

Protezione quasi totale

Il nuovo vaccino anti Hpv 9-valente ha un potenziale di prevenzione del 90% per il cancro del collo dell’utero, del 75-85% per le lesioni precancerose, dell’85-90% per il cancro della vulva, dell’80-85% per il cancro della vagina, del 90-95% per il cancro dell’ano e del 90% dei condilomi genitali. Inoltre, ha dimostrato di essere efficace nel prevenire il 97,4% delle lesioni di alto grado della cervice uterina, della vagina, della vulva e dell’ano e dei cancri cervicale, vaginale e vulvare causati dai 5 ulteriori tipi oncogeni di Hpv (31, 33, 45, 52, 58).

Al quarto posto per frequenza

Il tumore al collo dell’utero è il quarto tumore più frequente nelle donne nel mondo e il secondo nelle giovani donne (15-44 anni). L’infezione da Papillomavirus, però, non colpisce solo le donne: circa il 70% dei maschi la contrae durante la vita. In Italia è stata anche dimostrata una maggiore prevalenza di condilomatosi nel sesso maschile, soprattutto sotto i 25 anni. Ecco perché la vaccinazione anti-Hpv è stata estesa ai maschi adolescenti dal nuovo Piano nazionale di prevenzione vaccinale 2017-2019, incluso nei Livelli essenziali di assistenza.

Tra i 9 e i 14 anni

La vaccinazione deve essere somministrata prima di entrare in contatto con il virus, per avere la massima protezione. L’età ideale è fra i 9 e 14 anni: in Italia la strategia scelta consiste in una somministrazione a 2 dosi fino a 14 anni, con 3 dosi dopo i 14 anni.

 

 
 
 

lo sapevi che?

In 9 Regioni (Trentino, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Molise, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna) viene effettuata la vaccinazione universale contro l’Hpv, applicata anche al maschio.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Sinechie delle piccole labbra: serve il cortisone?

Le pomate al cortisone non trovano specifica indicazione per le sinechie delle piccole labbra di una bambina. Una crema emolliente, che contrasti la secchezza delle mucose, se non ci sono sintomi né infezioni ricorrenti è più che sufficiente per controllare l'anomalia.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Massaggi anticellulite: si possono fare mentre si allatta?

I massaggi anticellulite possono essere effettuati tranquillamente durante l'allattamento, anche alla luce di una massima che tutte le neomamme dovrebbero fare propria: tutto quello che le fa sentire meglio si rifette positivamente sul bebè.   »

Fai la tua domanda agli specialisti