Primogeniti più bravi a scuola … grazie all’impegno dei genitori

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 06/04/2017 Aggiornato il 06/04/2017

Sembra accertato che mamma e papà dedichino molto tempo a cercare di sviluppare le abilità mentali dei primogeniti, mentre si rilassano con i figli successivi

Primogeniti più bravi a scuola … grazie all’impegno dei genitori

Se i primogeniti a scuola sono più bravi dei fratellini e delle sorelline più piccoli il merito è soprattutto di mamma e papà che li hanno seguiti maggiormente, trascorrendo più tempo con loro e stimolandoli intellettualmente di più rispetto a quanto hanno poi fatto con i secondi e con i terzogeniti. A sostenere che i primogeniti a scuola hanno una marcia in più grazie agli stimoli dei genitori è uno studio realizzato dal gruppo di ricerca della University of Edinburgh guidato da Ana Nuevo-Chiquero e pubblicato sul Journal of Human Resources.

Seguiti 5.000 bambini

I ricercatori hanno seguito per oltre dieci anni cinquemila bambini sottoponendoli a controlli e a diversi test ogni 2 anni dalla nascita fino ai 14 anni: hanno così potuto rilevare che i genitori impiegano molto tempo a cercare di sviluppare le abilità mentali dei primogeniti, rilassandosi poi con i fratelli e le sorelle. “Via via che la famiglia si allarga – spiega Ana Nuevo-Chiquero – i genitori devono dividere il loro tempo con un numero sempre maggiore di figli. E così, tranne il primogenito, tutti gli altri non possono mai godere del vantaggio di essere soli”.

Più attenzioni, non più amore

I ricercatori precisano che i loro risultati indicano espressamente che i primogeniti non sono più amati degli altri figli, ma solo che vengono più seguiti e stimolati e che ricevono più attenzione soprattutto nei primi anni, che sono i più formativi: un vantaggio che finisce per riflettersi positivamente sul loro sviluppo cognitivo e sulle performance scolastiche.

 

 

 
 
 

In breve

TRA I PRIMI FIGLI CI SONO PIU’ MIOPI

Alcuni studi hanno messo in evidenza come i primogeniti siano più coscienziosi e maggiormente dediti allo studio() degli altri fratelli. Tutto ciò porterebbe a un incremento dei casi di miopia: i primogeniti hanno circa il 10% di possibilità in più di essere miopi.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ancora podalico in 31ma settimana
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il bambino può "mettere la testa a posto", ossia assumere la posizione cefalica, anche quando mancano solo poche settimane alla data del parto.   »

Dopo il vaccino niente farmaci per più di un mese?
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'indicazione di non somministrare alcuna medicina (escluso l'antifebbrile) nelle sei settimane successive alla vaccinazione è scorretta.   »

Gemellino che all’improvviso si comporta male
03/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Dietro ad atteggiamenti che all'improvviso diventano aggressivi e difficili da gestire c'è sempre una rabbia che il bambino deve imparare ad allontanare. Fargliela disegnare può essere d'aiuto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti