Primogeniti più bravi a scuola … grazie all’impegno dei genitori

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 06/04/2017 Aggiornato il 06/04/2017

Sembra accertato che mamma e papà dedichino molto tempo a cercare di sviluppare le abilità mentali dei primogeniti, mentre si rilassano con i figli successivi

Primogeniti più bravi a scuola … grazie all’impegno dei genitori

Se i primogeniti a scuola sono più bravi dei fratellini e delle sorelline più piccoli il merito è soprattutto di mamma e papà che li hanno seguiti maggiormente, trascorrendo più tempo con loro e stimolandoli intellettualmente di più rispetto a quanto hanno poi fatto con i secondi e con i terzogeniti. A sostenere che i primogeniti a scuola hanno una marcia in più grazie agli stimoli dei genitori è uno studio realizzato dal gruppo di ricerca della University of Edinburgh guidato da Ana Nuevo-Chiquero e pubblicato sul Journal of Human Resources.

Seguiti 5.000 bambini

I ricercatori hanno seguito per oltre dieci anni cinquemila bambini sottoponendoli a controlli e a diversi test ogni 2 anni dalla nascita fino ai 14 anni: hanno così potuto rilevare che i genitori impiegano molto tempo a cercare di sviluppare le abilità mentali dei primogeniti, rilassandosi poi con i fratelli e le sorelle. “Via via che la famiglia si allarga – spiega Ana Nuevo-Chiquero – i genitori devono dividere il loro tempo con un numero sempre maggiore di figli. E così, tranne il primogenito, tutti gli altri non possono mai godere del vantaggio di essere soli”.

Più attenzioni, non più amore

I ricercatori precisano che i loro risultati indicano espressamente che i primogeniti non sono più amati degli altri figli, ma solo che vengono più seguiti e stimolati e che ricevono più attenzione soprattutto nei primi anni, che sono i più formativi: un vantaggio che finisce per riflettersi positivamente sul loro sviluppo cognitivo e sulle performance scolastiche.

 

 

 
 
 

In breve

TRA I PRIMI FIGLI CI SONO PIU’ MIOPI

Alcuni studi hanno messo in evidenza come i primogeniti siano più coscienziosi e maggiormente dediti allo studio() degli altri fratelli. Tutto ciò porterebbe a un incremento dei casi di miopia: i primogeniti hanno circa il 10% di possibilità in più di essere miopi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tic in una bimba di tre anni e mezzo

17/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

In presenza di tic che compaiono all'improvviso è buona regola prima di tutto effettuare alcuni specifici esami del sangue e un tampone faringeo per la ricerca dello streptococco.  »

Bimba di 18 mesi che non vuole più il latte

16/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

A svezzamento completato, il latte non è più indispensabile: come ottima alternativa c'è lo yogurt.   »

Una gravidanza dopo aver smesso l'”anello”: quanto ci vuole?

13/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisabetta Canitano

La possibilità di rimanere incinta dopo aver smesso la contraccezione ormonale varia da donna a donna: generalizzare non si può.  »

Fai la tua domanda agli specialisti