Problemi a scuola? Lo dice il test del Dna

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/09/2016 Aggiornato il 19/09/2016

Un nuovo test del Dna è in grado di individuare i ragazzi con difficoltà di apprendimento. Ecco come funziona

Problemi a scuola? Lo dice il test del Dna

Sapere in anticipo se il proprio figlio avrà difficoltà a scuola è possibile. Non semplicissimo, magari, ma possibile: stando almeno a quanto riportato da uno studio pubblicato sulla rivista Molecular Psychiatry, i risultati accademici di uno studente sarebbero prevedibili mediante un test del Dna. I ricercatori del King’s College di Londra che hanno messo a punto la ricerca spiegano che da uno studio del patrimonio genetico è adesso possibile scovare eventuali difficoltà di apprendimento future.

È tutto scritto nei geni

Gli studiosi hanno ideato un test del Dna che aiuta a identificare i bambini con maggior rischio di sviluppare difficoltà di apprendimento, e spiegano che si tratterebbe del tipo di previsione più precisa di un comportamento effettuata a partire dal patrimonio genetico finora disponibile.

Lo studio su quasi 6.000 gemelli

Per giungere a questi risultati i ricercatori hanno esaminato 10 milioni di polimorfismi di singolo nucleotide (Snps), identificando 74 varianti genetiche associate in modo significativo con gli anni di studio accumulati. I ricercatori hanno quindi misurato in un campione di 5.825 gemelli i risultati scolastici ottenuti all’età di 7, 12 e 16 anni in due materie, matematica e inglese, e hanno così rilevato che l’elemento che diversifica i risultati dei ragazzi in compiti e interrogazioni risulta fortemente connesso a specifiche caratteristiche genetiche.

20.000 varianti genetiche

Per quanto riguarda in particolare gli studenti di 16 anni che si accingono a iscriversi al college, il test del Dna ha messo in evidenza che tenendo conto di 20mila varianti genetiche è possibile spiegare almeno il 10% delle differenze tra i risultati scolastici degli studenti di quell’età. 

 

 

 
 
 

In breve

IMPORTANTE ANCHE ANDARE A LETTO PRESTO

Secondo uno studio canadese della Mcgrill University per avere una pagella migliore, i bambini dovrebbero dormire di più: la ricerca, effettuata su bambini delle elementari, mostra che i voti in inglese e matematica aumentano se i piccoli dormono una media di 18 minuti in più a notte per 5 notti di seguito

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti