Pronto soccorso più attrezzati per bambini con diabete

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 01/07/2014 Aggiornato il 01/07/2014

Entro il 2014 le 450 unità di pediatria che svolgono funzioni di pronto soccorso saranno più attrezzate per affrontare le urgenze dei bambini con diabete

Pronto soccorso più attrezzati per bambini con diabete

Buone notizie per i bambini affetti di diabete. Entro la fine di questo anno, infatti, le 450 unità di pediatria italiane che in varia forma svolgono funzioni di pronto soccorso pediatrico saranno più attrezzate per affrontare le urgenze dei bambini con diabete e per prevenire le complicanze causate da interventi non tempestivi oppure inadeguati. Il primo ospedale in Italia che sarà attrezzato per questa urgenze ed emergenze sarà l’ospedale infantile Regina Margherita della Città della Salute di Torino. Secondo le stime nazionali i piccoli pazienti affetti da diabete sono circa 15.000 in tutta Italia, di cui circa 1.000 in Piemonte.

Per le emergenze

Il potenziamento del pronto soccorso è reso possibile grazie al protocollo, unico a livello nazionale, per la gestione di queste emergenze che fornisce ai medici dei pronto soccorso informazioni precise. In particolare: gli esami diagnostici da eseguire, i trattamenti da mettere in atto e in quale sequenza temporale e in quale quantità, nel momento dell’arrivo del piccolo paziente, in caso di emergenze legate al diabete infantile.

I centri specialistici di riferimento

Il documento fornisce anche ulteriori indicazioni, per esempio su quali siano i centri specialistici italiani di riferimento cui inviare i bambini nelle situazioni più gravi. Si tratta, secondo gli esperti, di un aspetto particolarmente importante, dal momento che in tali casi il bambino deve essere trasportato immediatamente presso una struttura specializzata.

Il parere degli esperti

“Stiamo lavorando per fare in modo che tutti i pronto soccorso siano preparati a gestire le emergenze dei bambini con diabete mellito di tipo 1” spiega la dottoressa Ivana Rabbone, coordinatrice del gruppo di studio sul Diabete della Siedp, la Società Italiana di endocrinologia e diabetologia pediatrica, e specialista in Diabetologia pediatrica all’ospedale Regina Margherita di Torino.

 

In breve

I NUMERI DEI PICCOLI DIABETICI IN ITALIA

Secondo le stime nazionali i piccoli pazienti affetti da diabete sono circa 15.000 in tutta Italia, di cui circa 1.000 in Piemonte. Il 40% di questi pazienti ha vissuto un’emergenza acuta all’esordio e potrebbe affrontarla nuovamente nel corso della propria vita. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino antiinfluenzale in allattamento: si può fare?

26/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La vaccinazione antiinfluenzale non è controindicata per le mamme che allattano al seno.  »

Dubbio sul valore delle beta-hCG

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per capire se la gravidanza sta procedendo, serve l'ecografia, tuttavia non conviene farla prima che il valore dell'ormone beta-hCG sia almeno a 1000.  »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti