Pubertà: nelle ragazze arriva prima a causa dell’obesità

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/01/2014 Aggiornato il 22/01/2014

Un recente studio dimostra che nelle bambine di oggi la pubertà inizia un anno prima. Tutta colpa del sovrappeso e dell’obesità

Pubertà: nelle ragazze arriva prima a causa dell’obesità

Il sospetto era venuto praticamente a tutti i genitori e non solo. Anche chi non ha figli si è accorto che oggi la pubertà inizia prima che in passato, soprattutto nelle bambine. Ora è arrivata la conferma scientifica. Tutto merito di un gruppo di ricercatori americani, del Cincinnati Children’s Hospital Medical Center, che ha realizzato uno studio in proposito, appena pubblicato sulla rivista Pediatrics. Lo studio è stato condotto su oltre 1.200 bambine. Tutte, all’inizio della ricerca, avevano un’età compresa fra e i sei e gli otto anni.  Gli autori le hanno seguite per sette anni, dal 2004 al 2011, in modo da analizzare al meglio il loro sviluppo fisico. In particolare, hanno cercato di capire a quale età, in media, iniziasse la pubertà e quale fosse il primo segnale.

Lo sviluppo del seno

Dall’analisi dei dati raccolti, è emerso che il segno che annuncia l’arrivo della pubertà, nella maggior parte dei casi, è l’aumento del seno. Ebbene, il tanto atteso sviluppo della ghiandola mammaria oggi sembra avvenire in anticipo. Rispetto a quanto evidenziato da una grande ricerca effettuata nel 1997 su 14mila bambine, le ragazzine nate fra la fine degli anni ’90 e i primi anni del 2000 devono iniziare a usare il reggiseno con un anno di anticipo. Infatti, il loro décolleté inizia a ingrandirsi 12 mesi prima.

L’influenza del peso corporeo

Ma per quali ragioni oggi le bambine diventano adulte più precocemente? Probabilmente tutto dipende dal peso corporeo. I ricercatori hanno visto, infatti, che esiste un legame diretto fra obesità e aumento del seno. Le bambine più a rischio di pubertà precoce sono quelle con un peso sopra la media. Quelle il cui peso supera l’85esimo percentile nelle curve di crescita avrebbero addirittura una probabilità elevata di svilupparsi con due anni di anticipo. Il problema è che oggi, l’obesità è sempre più diffusa in età infantile e adolescenziale. Per questa ragione, gli esperti raccomandano di non sottovalutare la situazione.

In breve

TUTTI I RISCHI

L’obesità va temuta anche per la sua capacità di accelerare lo sviluppo delle bambine. La pubertà precoce, infatti, causa una serie di conseguenze psicofisiche, come depressione, bassa autostima, ipertensione, maggior rischio di tumori e di diabete.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti