Quanto durano i dolori della crescita?

Paola Risi A cura di Paola Risi Pubblicato il 11/03/2022 Aggiornato il 11/03/2022

Colpiscono spesso di notte i bambini nella fase del loro maggior rapido sviluppo. Ecco quanto durano i dolori della crescita e come alleviare i fastidi

Quanto durano i dolori della crescita?

I cosiddetti dolori della crescita sono un disturbo molto frequente tra i bambini in età scolare (soprattutto tra i 5  e i 7 anni), che tende appunto a essere associato alla velocità del ritmo di crescita degli arti tipico di questa fase dello sviluppo. Le cause che determinano questi attacchi dolorosi – ma del tutto innocui – non sono in realtà ancora state identificate con chiarezza: per questo motivo molti medici li indicano più genericamente come “dolori ricorrenti agli arti”. Ecco quanto durano i dolori della crescita e come alleviarli.

Come far passare i crampi ai bambini?

In particolare, si tratta di dolori di tipo muscolare molto simili ai crampi, che interessano quasi esclusivamente gli arti inferiori e, in particolare, le cosce, i polpacci e i piedi. Nella maggior parte dei casi il bambino li percepisce senza una localizzazione precisa e lamenta un generale “dolore alle gambe”. Tra le caratteristiche utili a riconoscere il disturbo rientrano anche il fatto che compaiano periodicamente, siano intermittenti e piuttosto intensi, colpiscano entrambe le gambe, si manifestino per lo più nelle ore notturne (spesso nella fase in cui il bambino si sta per addormentare), durino una o più ore, non si associno a gonfiore o arrossamento e non ostacolino la normale deambulazione.

Come curare i dolori della crescita?

I dolori della crescita sono un disturbo innocuo che non comporta alcun effetto sulle condizioni generali di salute del bambino e non dovrebbero, quindi, allarmare mamma e papà. Alla domanda “quanto durano i dolori della crescita”, si può rispondere in maniera rassicurante: nell’arco di qualche mese, o più raramente di qualche anno, scompariranno in modo spontaneo senza la necessità di ricorrere ad alcun trattamento specifico.

Talvolta, però, questi dolori possono risultare molto intensi e, se si evidenziano di frequente, rischiano di comportare un disagio rilevante per il bimbo: in questi casi il pediatra può prescrivere un antidolorifico a base di paracetamolo per attenuare il dolore, oltre a consigliare una visita specialistica presso un pediatra reumatologo per accertarsi dell’assenza di differenti cause alla loro origine.

Indipendentemente dall’entità del disturbo, quando si verifica l’attacco un certo sollievo può essere ottenuto attraverso dei massaggi manuali alle gambe: stimolando il rilassamento e la distensione della muscolatura, essi favoriscono, infatti, la riduzione del dolore. Utile può essere anche l’applicazione locale di calore.

Perché fanno male le gambe ai bambini?

In alcuni casi all’origine di dolori muscolari anche intensi può essere individuato un eccesso di attività fisica: i bambini a quest’età, infatti, tendono a essere particolarmente scatenati e a scaricare la loro inesauribile energia principalmente attraverso il movimento: corse, arrampicamenti, salti, lotte corpo a corpo, rientrano tra i passatempi preferiti in particolare dai maschietti.

È, quindi, molto probabile che nelle ore serali o durante la notte, lo sforzo muscolare messo in atto durante la giornata stimoli la comparsa di dolore, soprattutto nell’area delle gambe che risultano gli arti più stimolati: i muscoli mentre lavorano producono, infatti, acido lattico, una sostanza che viene smaltita nell’intervallo di qualche ora, suscitando appunto un senso di indolenzimento. Anche nel caso il piccolo abbia appena iniziato a praticare uno sport, è del tutto normale, nelle prime settimane, che provi dolori muscolari dopo gli allenamenti proprio perché i muscoli devono ancora adattarsi al nuovo carico di lavoro.

 

 

 
 
 

In sintesi

Quando si cresce in altezza fanno male gambe?

I cosiddetti dolori della crescita tendono a comparire proprio nella fase in cui lo sviluppo del bambino è molto accelerato. I dolori di solito si concentrano alle gambe, ai polpacci e nella parte posteriore delle ginocchia.

Cosa fare contro il mal di gambe?

Il riposo è il rimedio più indicato. Evitare – per quanto possibile – che il bambino si sforzi troppo giocando a pallone o correndo è già un buon rimedio. Se necessario, il pediatra può prescrivere un antidolorifico a base di paracetamolo, specie se i dolori notturni disturbano il sonno del bambino.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti