Scoliosi: dimenticata, ma in aumento

Stefania Lupi
A cura di Stefania Lupi
Pubblicato il 21/05/2018 Aggiornato il 02/08/2018

La scoliosi colpisce il 6-7% della popolazione, soprattutto le femmine, e si manifesta prima dell’adolescenza. Un controllo regolare della schiena aiuta a individuarla prima che peggiori

Scoliosi: dimenticata, ma in aumento

Non se ne parla più, ma continua a “colpire”. Anche perché non è mai scomparsa veramente. Semplicemente ci si è dimenticati di lei. La scoliosi, ossia la deviazione laterale della colonna vertebrale, colpisce il 6-7% della popolazione, soprattutto le femmine, e si manifesta in età pre adolescenziale.

Fondamentale la diagnosi precoce

Un problema serio, dunque, che può compromettere la crescita e la futura qualità di vita di chi ne soffre. Eppure, se individuata per tempo, con una semplice visita dall’ortopedico o dal pediatra intorno ai 10 anni, la scoliosi è curabile attraverso un percorso terapeutico che comprende fisioterapia, attività fisica mirata e busto. Quando, invece, viene diagnosticata tardi, per risolverla non resta che l’intervento chirurgico.

Il ruolo di mamma e papà

In tema di prevenzione, i genitori possono fare molto. Con un semplice controllo, che consiste nel far spogliare e far piegare in avanti il bambino o la bambina, controllando la schiena: se si nota una piccola asimmetria, spesso dal lato destro, con una parte più alta dell’altra, si tratta di scoliosi. A questo punto, è consigliabile rivolgersi al medico per una visita specialistica.

Base ereditaria

Quanto alle cause della scoliosi, sicuramente esiste un’ereditarietà. Quindi, se un bambino ha un genitore, un fratello o una sorella affetti da scoliosi dovrebbe essere controllato regolarmente dal medico di famiglia.

Tanti tipi del problema

La scoliosi può avere diverse forme. Quella evolutiva continua a peggiorare. Quella infantile, una patologia molto rara e grave, si manifesta già a 2 anni: il bimbo a questa età cresce in fretta e si possono avere peggioramenti che possono portare al rischio di insufficienza cardiorespiratoria. Proprio per quest’ultimo caso, all’ ospedale pediatrico Bambino Gesù di Palidoro (Rm), che opera ogni anno 150 ragazzi e ne segue più di 1.500, si interviene attraverso l’utilizzo di barre magnetiche che abbattono il numero degli interventi chirurgici.

 
 
 

Da sapere!

Lo zaino pesante non può procurare la scoliosi. Assolti anche il tennis e la malocclusione dentale (il mancato allineamento tra l’arcata dei denti superiore e l’arcata dei denti inferiore).

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Dubbi sulle date delle vaccinazioni

Le date che vengono indicate per vaccinare i bambini sono approvate dalla Comunità scientifica pediatrica, quindi non di deve temere di rispettarle.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti