Smartphone e tablet: sempre più “amici” dei bambini

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 04/01/2016 Aggiornato il 04/01/2016

Smartphone e tablet sembrano essere diventati i migliori compagni dei bambini. Il tempo trascorso davanti a questi device tecnologici, infatti, è in crescita esponenziale

Smartphone e tablet: sempre più “amici” dei bambini

Saranno anche nativi digitali, ma i bambini utilizzano in modo davvero esagerato smartphone e tablet, ormai quotidianamente.

Bambini e new media

A sancire questo rapporto simbiotico tra smartphone e tablet e bambini è una ricerca recente condotta negli Stati Uniti. Secondo i dati emersi da questa indagine, relativamente all’uso di smartphone e tablet, i bambini che li hanno già utilizzati entro gli otto anni di età oggi sono ben il 72%.

In soli due anni, un balzo che fa pensare

La ricerca ha analizzato statistiche del  2013 ma soltanto due anni prima ne era stata condotta una identica. Dai dati emersi da quest’ultima, i bambini che posseggono un tablet sono aumentati di ben 5 volte. Così come è raddoppiata la percentuale dei piccoli che li utilizza almeno una volta al giorno. Pare, invece, che esista un rapporto inversamente proporzionale tra l’uso dei new media e la fruizione della tv.

Divari socio-economici

Una variabile ancora importante, in questo campo, resta quella socio-economica. Infatti, quasi il 90% delle famiglie benestanti possiede una connessione a Internet veloce mentre, invece, sono poche le famiglie indigenti a poter accedere al web.

 

 

In breve

MAI SOLO NEW MEDIA

L’uso piuttosto intensivo dei new media da parte dei bambini potrebbe nuocere loro dal punto di vista della salute, nonché sotto l’aspetto relazionale. La giusta dose di giochi all’aria aperta, lo stare insieme agli amici o tante attività creative di manipolazione, possono cambiare il destino dei nativi digitali. In meglio.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti