Tablet e smartphone alterano il sonno dei bambini

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/03/2015 Aggiornato il 05/03/2015

I bambini che fanno uso di tablet e smarthphone dormono di meno e si addormentano più tardi rispetto ai coetanei che non hanno la stessa abitudine

Tablet e smartphone alterano il sonno dei bambini

È questa la conclusione cui è giunto un gruppo di ricercatori dell’University of California di Berkeley, in California, che ha condotto uno studio sull’uso di tablet e smartphone da parte dei bambini prima di andare a dormire: coloro che ne fanno uso, dormono di meno o si addormentano più tardi rispetto ai coetanei che non hanno la stessa abitudine, che quindi dormono meglio. Dunque: dovrebbe essere vietato loro portare smartphone, tablet in camera da letto. Lo stesso vale anche per gli adolescenti e gli adulti.

Analizzate le fasi del sonno

Lo studio americano, pubblicato sulla rivista scientifica Pediatrics, ha analizzato le fasi di addormentamento e il sonno di 2.048 bambini di 9 e 12 anni coinvolti nel Massachusetts Childhood Obesity Research Demonstration Study. La raccolta delle informazioni è avvenuta attraverso la compilazione di questionari. Veniva chiesto ai bambini di riportare l’ora in cui solitamente andavano a letto, l’ora in cui solitamente si svegliano al mattino, il numero di giorni durante la settimana in cui si sentivano più stanchi e se nelle loro camere da letto erano presenti televisori, computer, tablet, smartphone o dispositivi per ascoltare la musica.

Quando il sonno è disturbato

Dai dati è emerso che i bambini che hanno la possibilità di usare uno smartphone, tablet di sera si addormentano mediamente 37 minuti più tardi e sperimentano ogni giorno una riduzione di 21 minuti di sonno totale rispetto ai bambini che non usano questi strumenti prima di andare a dormire. Ecco nel dettaglio i numeri della ricerca: la maggior parte dei bambini (54%) dorme con smartphone e tablet a portata di mano e nella propria stanza da letto è presente una tv (75%); i bambini di 12 anni hanno maggiori probabilità di dormire con un dispositivo nelle vicinanze (65%) rispetto ai bambini di 9 (46%).

Sotto accusa luce blu e avvisi sonori

Confermano gli esperti: “La luminosità di questi dispositivi, più forte ed invasiva di quella della tv, interferirebbe con il rilascio della melatonina, sostanza coinvolta nel sonno e nel ritmo circadiano, ancor di più di quanto già non accada con la tv, che generalmente viene fruita a una distanza maggiore. Questi dispositivi, poi, possono disturbare il sonno anche attraverso le continue notifiche acustiche di ricezione di mail, messaggi e chat”.

 

 

In breve

CAMPANELLI D’ALLARME: STANCHEZZA E DISATTENZIONE

 Il sonno è importante sia per gli adulti sia per i bambini: per questa ragione è sconsigliato utilizzare un tablet o uno smartphone poco prima di addormentarsi, poiché alterano le fasi dello sonno. Le conseguenze sono importanti: stanchezza e poca attenzione durante il giorno.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti