Vaccino antinfluenzale obbligatorio a settembre per i bambini?

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 17/06/2020 Aggiornato il 17/06/2020

È quanto suggerito dai pediatri della Simpe secondo cui altrimenti i bambini potrebbero diventare in autunno portatori della nuova ondata di Covid-19. Ecco perché

Vaccino antinfluenzale obbligatorio a settembre per i bambini?

Non vogliamo che i bambini diventino in futuro “piccoli untori”, portatori di una nuova ondata in autunno di Covid-19: per questo a settembre in vista della riapertura delle scuole sarà necessario effettuare tamponi e test sierologici su questa fascia della popolazione, oltre a somministrare il vaccino antinfluenzale, per individuare subito i casi di nuovo coronavirus Sars-Cov-2, evitando di confonderne i sintomi con quelli dell’influenza stagionale o delle sindromi para-influenzali.

Asintomatico quasi un bambino positivo su due

Le proposte arrivano dalla Simpe, la Società italiana di medici pediatri. Gli esperti spiegano che il range di bambini asintomatici e/o con pochi e leggeri sintomi (paucisintomatici) con infezione da Covid-19 è attualmente pari al 42-47%, ed è necessario attivarsi con interventi specifici – oltre a riorganizzare gli spazi comuni e per la didattica con distanze corrette – per evitare che i giovanissimi in autunno, con la riapertura delle scuole, diventino piccoli “untori”, portatori del nuovo coronavirus a tutta la popolazione.

Studiare un piano d’intervento

“La riapertura delle scuole favorirà la diffusione del contagio tra i bambini che a loro volta lo riporteranno a casa con il rischio reale di un nuovo picco epidemico. Si tratta di capire dunque come intervenire nel merito”, spiega Giuseppe Mele, presidente Simpe. Si va dal “gestire le distanze in classe e negli spazi comuni”, fino ad arrivare a ipotizzare un vaccino antinfluenzale a tappeto tra i 6 mesi e i 14 anni: “Chiediamo l’obbligatorietà della vaccinazione antinfluenzale per i bambini dai 6 mesi ai 14 anni. Avere la popolazione pediatrica vaccinata nella sua totalità significherà contribuire a comprendere, nel momento in cui si ripresenterà, chi avrà il virus del Covid-19. Questo significa agire sulla ‘patologia di comunità’. Un approccio completamente differente da quello utilizzato finora”.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Le sindromi parainfluenzali sono affezioni di vario tipo che possono essere causate da circa 250 virus differenti. Compaiono generalmente in autunno (da fine ottobre a dicembre) e primavera (da marzo ad aprile). Possono provocare sintomi di diversa gravità in gran parte sovrapponibili a quelli dell’influenza stagionale, i più comuni dei quali sono difficoltà respiratorie (dal comune raffreddore fino alle polmoniti) e disturbi gastrointestinali.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti