Verruche: che cosa sono e come curarle

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/09/2015 Aggiornato il 09/09/2015

Con la ripresa dei corsi sportivi in palestra e in piscina, i bambini hanno più probabilità di contrarre le verruche. Ecco come comportarsi in questi casi

Verruche: che cosa sono e come curarle

È tempo di nuovi inizi. A settembre non ricomincia solamente l’anno scolastico, ma anche tutti gli impegni collaterali che piacciano tanto ai bambini e che complicano un po’ la vita di mamma e papà. Su tutti, le attività sportive: fra corsi di nuoto, calcio, danza, non c’è che l’imbarazzo della scelta. In tutti i casi bisogna fare attenzione: negli spogliatoi di piscine e palestre, il rischio di contrattare le verruche è molto alto.

Lesioni della pelle

Le verruche sono lesioni della pelle causate da un virus della famiglia dei “papova virus”, che sopravvive molto bene negli ambienti caldo-umidi, come le docce degli spogliatoi o i bordi della piscina. Ecco perché interessa molto di frequente i bambini che usano abitualmente spogliatoi pubblici, specialmente se non adottano le giuste precauzioni. Il virus riesce a penetrare nell’organismo attraverso ferite, anche piccole. Quindi, si annida sotto pelle e si sviluppa, causando, nei mesi successi, protuberanze simili a calli dalla superficie liscia o rugosa.

Più comuni nei piedi

La parte del corpo più vulnerabile alle verruche è la pianta del piede. Infatti, basta camminare a piedi scalzi per procurarsi graffi o semplici escoriazioni, anche di piccolissime dimensioni, che possono facilitare l’ingresso del virus. Bisogna sapere che nelle estremità, la lesione, sottoposta a continui schiacciamenti, crea una piccola formazione dura che si ingrossa all’interno della cute, causando dolore.

Come si curano

Le verruche sono molto contagiose, per questo dovrebbero essere asportate al più presto. In caso contrario, il bambino può diffondere il virus nell’ambiente in cui vive e contagiare altre persone e può anche autoinfettarsi, cioè estendere l’infezione ad altre parti del corpo. Un tempo, per estirpare la verruca, si ricorreva soprattutto alla crioterapia: il medico “bruciava” la verruca con l’azoto liquido, una sostanza che forma una bolla che, dopo qualche giorno, si stacca portando la verruca con sé. Il metodo però dava luogo a recidive. Oggi il sistema più diffuso è il laser: non lascia cicatrici e consente di camminare normalmente dopo pochi giorni. In pratica, il medico indirizza la luce laser verso la lesione: il calore la vaporizza in pochi istanti. Poi basta disinfettare e indossare un cerottino per qualche giorno (non c’è sanguinamento).

Si possono usare anche i cerotti

In commercio si trovano anche cerotti che aiutano a curare le verruche. Rilasciano acido salicilico, acido lattico o altre sostanze cheratolitiche: principi attivi che erodono la cheratina, lo strato corneo dell’epidermide, provocando un’ustione chimica localizzata e indolore della pelle malata. Le pelle, così, si secca e la verruca si stacca, lasciando sotto la pelle sana. Vanno applicati direttamente sulla lesione, preferibilmente ogni sera fino alla scomparsa del disturbo (in genere da una settimana a un mese).

 

 

 

 
 
 

In breve

LE REGOLE DI PREVENZIONE

Per proteggere il bimbo dalle verruche, è importante insegnarli a non camminare mai a piedi scalzi negli spogliatoi e sui bordi delle piscine. In questo modo, si evita che la pianta del piede entri in contatto con agenti patogeni. L’ideale è fargli indossare le ciabattine di gomma: è un materiale isolante, che evita la formazione di un ambiente caldo-umido intorno al piede.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti