Videogiochi: attenzione a quelli ripetitivi e aggressivi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/12/2013 Aggiornato il 09/12/2013

Un recente studio dimostra che alcuni tipi di videogiochi possono interferire con lo sviluppo psicologico e con la personalità dei bambini 

Videogiochi: attenzione a quelli ripetitivi e aggressivi

Gli esperti, indipendentemente dal tipo, li considerano trattenimenti poco adeguati per i bambini di qualsiasi età. Ma a quanto pare i videogiochi non sono tutti uguali e occorre fare un distinguo. Questo, perlomeno, è quanto suggerisce uno studio condotto da un’equipe di ricercatori australiani, dell’Istituto per la prima infanzia dell’università Macquarie di Sydney.

L’impatto sul cervello

Gli autori hanno arruolato un gruppo di bambini per indagare l’impatto sul cervello dei media e della tecnologia. Hanno così scoperto che i videogiochi possono giocare un ruolo negativo. Ma non in assoluto. I più rischiosi sono quelli aggressivi e quelli ripetitivi. I primi, come è facilmente intuibile, possono favorire la comparsa di comportamenti aggressivi, ostilità, ribellione. Ma possono anche associarsi ad atteggiamenti di insensibilità e a perdita di empatia nei confronti degli altri. I videogiochi ripetitivi, invece, hanno un effetto meno lampante, ma possono arrivare a ritardare lo sviluppo psicologico dei piccoli, causando una serie di ripercussioni che possono trascinarsi anche in età adulta. Anche le App, le applicazioni per smartphone e tablet, spesso non sono l’ideale: l’85% di quelle dedicate ai bambini prevedono solo giochi di “comportamentismo”. In pratica, invitano il piccolo a ripetere un’azione o a ricordare semplici fatti. Questi compiti semplici e ripetitivi sembrano associarsi a uno sviluppo neuronale ridotto rispetto al normale.


Un problema da non sottovalutare

Gli studiosi hanno concluso che i media violenti, i videogames e le app di un certo tipo hanno conseguenze negative sulla crescita dei bambini. Per questo è bene che le istituzioni, i produttori, i medici e i genitori inizino a considerare con attenzione il problema. 

In breve

SOLO PER POCHI MINUTI AL GIORNO

Vietare in assoluto i videogiochi non è forse la soluzione ideale. È importante, però, che mamma e papà decidano a priori il tempo che i bambini possono dedicare ogni giorno ai videogiochi. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può dare l’acqua ai piccolissimi?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Ad allattamento ben avviato, quindi più o meno dopo le prime settimane di vita, se ragionevolmente si ritiene che il bebè possa avere sete (o se si notano segni di disidratazione, come il pannolino asciutto per molte ore) gli si possono offrire piccole quantità d'acqua. Se fa numerose poppate nell'arco...  »

Coppia con bisnonni in comune: ci sono rischi per i figli?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Il grado di parentela dovuto a bisnonni in comune non aumenta la probabilità di concepire figli con malattie ereditarie. A meno che vi siano persone malate o disabili tra i consanguinei in comune,   »

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti