Videogiochi per vincere la dislessia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/04/2014 Aggiornato il 08/04/2014

Secondo uno studio, i videogiochi non solo migliorano le abilità compromesse dalla dislessia, ma favoriscono anche le cure

Videogiochi per vincere la dislessia

Uno studio rivaluta l’importanza dei videogiochi per i bambini che soffrono di dislessia. Secondo la ricercatrice dell’Università di Oxford che ha curato l’indagine, i videogiochi migliorano la capacità di lettura e scrittura e stimolano a rispondere agli impulsi multisensoriali. Gli scienziati si sono focalizzati sul cosiddetto “spostamento sensoriale incrociato di attenzione”, cioè la capacità di sposare l’attenzione da uno stimolo visivo (per esempio, guardare una persona che ci sta parlando) a uno uditivo (voltarsi se ci si sente chiamare per nome).

Facilitano l’apprendimento

Nei malati di dislessia questa abilità è ridotta. Per loro, concludono gli esperti, potrebbe essere più semplice apprendere le associazioni tra lettere e suoni ascoltando il suono e poi osservando la parola corrispondente (e non viceversa, come fanno i dispositivi attualmente utilizzati). Di conseguenza, i videogiochi d’azione che prevedono l’allenamento di più abilità sensoriali potrebbero essere un valido aiuto.

Che cos’è la dislessia

La dislessia è un disturbo specifico dell’apprendimento (Dsa) che riguarda la capacità di leggere e scrivere in modo corretto e fluente. Non è causata da un deficit di intelligenza, da problemi ambientali o psicologici o da deficit sensoriali o neurologici, ma da un’alterazione nel funzionamento di alcuni gruppi di cellule deputate al riconoscimento delle lettere-parole e del loro significato. Dopo la diagnosi, fatta da un centro specializzato o dall’Asl, si può intervenire con programmi riabilitativi, tramite software specifici e/o trattamenti logopedici. Il percorso terapeutico è differenziato in base all’età del bambino, al tipo di disturbo e al livello di gravità.

In breve

I NUMERI DELLA DISLESSIA

In Italia si stima che la dislessia riguardi il 3-4% della popolazione scolastica (scuola primaria e secondaria di primo grado). 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti