Zaino a scuola: così si evitano i dolori alla schiena dei più piccoli

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 06/10/2021 Aggiornato il 06/10/2021

Per evitare danni sono due gli accorgimenti fondamentali riguardo l’uso dello zaino a scuola: un carico adeguato e indossarlo in modo corretto

Zaino a scuola: così si evitano i dolori alla schiena dei più piccoli

In Italia circa il 10% dei bambini sotto i 12 anni soffre di mal di schiena, percentuale che arriva al 50% con l’aumentare dell’età. La maggior parte dei bambini trasporta zaini troppo pesanti rispetto al proprio peso corporeo e sono molti a non indossarlo correttamente. Uno zaino non adatto, infatti, può comportare dolorose contratture muscolari e l’assunzione di posizioni scorrette. Non è vero, invece, che uno zaino troppo pesante possa portare a scoliosi, che è dovuta a cause genetiche. Ecco le regole da seguire per portare lo zaino a scuola.

Ridurre lo sforzo

Quando si indossa lo zaino a scuola è importante indossare sempre entrambi gli spallacci per distribuire il peso sulla schiena, ma non è questa l’unica regola da seguire. Per prevenire sforzi eccessivi, infatti, bisogna regolare gli spallacci in modo tale che la parte inferiore dello zaino non arrivi a più di 10 cm al di sotto della vita ed è meglio evitare di tenere lo zaino in spalla per più di 30 minuti al giorno e far riposare la schiena appena possibile.

Anche la distribuzione degli oggetti all’interno è molto importante: deve seguire una gerarchia di peso dallo schienale verso l’esterno dello zaino. Si consiglia anche di non aprire le cerniere che permettono l’ampliamento dello zaino, in quanto è meglio distribuire il peso in altezza e larghezza e non in profondità.

Scegliere il modello giusto

Innanzitutto lo zaino deve essere ergonomico, con spallacci ampi, imbottiti e regolabili, schienale imbottito, cintura in vita per distribuire il peso e scaricarlo sulla zona del bacino. Indossare sempre entrambi gli spallacci. Posizionare gli oggetti maggiormente pesanti nella parte a contatto con la schiena. Meglio non correre né fare sforzi quando si sta indossando lo zaino. Quando si sta in piedi fermi, per esempio sull’autobus o mentre si aspetta alla fermata, togliere lo zaino dalle spalle.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

I trolley non sono meglio degli zaini. Secondo gli esperti, infatti, il trolley costringe il bambino ad assumere una postura scorretta mentre cammina, sbilanciata dal lato del trolley e non rende possibile il pendolamento di un arto. In pratica fa camminare con la schiena inclinata da un lato.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Fai la tua domanda agli specialisti