Adhd: a quali segnali è meglio fare più attenzione?

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 05/01/2023 Aggiornato il 05/01/2023

Disattenzione, scarsa capacità di concentrazione, ma anche iperattività, impulsività sono i campanelli di allarme per diagnosticare la sindrome da deficit di attenzione e iperattività, nota anche con l’acronimo Adhd

Tra i segnali dell'adhd c'è la disattenzione a scuola

La vitalità è uno dei tratti distintivi dei più piccoli. Ma se a scuola il bambino si distrae più dei compagni e si concentra per un tempo molto breve occorre prestare attenzione. Questi potrebbero essere i segnali per diagnosticare un piccolo colpito da Adhd (la sindrome da deficit di attenzione e iperattività).

Che cosa è l’Adhd?

È la più diffusa tra le problematiche dell’età evolutiva e se non diagnosticata si riflette sulla vita adulta con gravi conseguenze. Consiste in un disordine dello sviluppo neuro psichico del bambino e dell’adolescente, caratterizzato da iperattività, impulsività, incapacità a concentrarsi che si manifesta generalmente prima dei 7 anni d’età. Questi problemi derivano sostanzialmente dall’incapacità del bambino di regolare il proprio comportamento in funzione del trascorrere del tempo, degli obiettivi da raggiungere e delle richieste dell’ambiente. È bene precisare che l’Adhd non è una normale fase di crescita che ogni bambino deve superare, non è nemmeno il risultato di una disciplina educativa inefficace, e tanto meno non è un problema dovuto alla «cattiveria» del bambino.

Quali sono le cause dell’Adhd?

Sono diverse e di varia natura: genetica, neurobiologica, ambientale. Un’alterazione nel gene responsabile della produzione di un neurotrasmettitore (dopamina) potrebbe essere una delle cause di questo disturbo. La dopamina veicola le informazioni fra i neuroni e è alla base di molti processi cognitivi, come ad esempio attenzione e memoria. La maggior parte dei farmaci utilizzati per curare questo disturbo puntano infatti ad aumentare l’efficacia dell’attività della dopamina. 

Quali sono i sintomi di Adhd?
  • scarsa cura per i dettagli, imprecisione
  • attenzione ridotta e facile distraibilità
  • sembra non ascoltare quando gli si parla
  • difficoltà a seguire le istruzioni e a portare a termine le attività
  • difficoltà a organizzarsi
  • evitamento delle attività che richiedono attenzione prolungata
  • perdita di cose o oggetti.
     
Cosa non fare con un bambino affetto da Adhd?

Ciò che non andrebbe fatto si può riassumere in cinque facili regole: non accogliere mai la sua sfida ponendoci sul suo stesso piano; non essere punitivi; non usare la violenza verbale e fisica; non essere confusi nella comunicazione e incoerenti nel comportamento.

Come si cura l’Adhd?

Sebbene non esista una cura specifica, l’Adhd può essere gestito in giovane età grazie a un supporto educativo appropriato, l’affiancamento alla famiglia e quando necessario la psicoterapia (terapia cognitivo comportamentale) ed eventualmente i farmaci.

Che differenza c’è tra Dsa e Adhd?

I bambini con Adhd sono specificamente compromessi nel controllo e nell’inibizione degli impulsi, mentre i bambini con Dsa sono compromessi nella consapevolezza fonologica, nella memoria verbale, nella narrazione e nelle prove intellettive non verbali.

 

 

 
 
 

In sintesi

A chi ci si deve rivolgere per la diagnosi di Adhd?

La diagnosi è fondamentale perché è il punto di partenza per il giusto trattamento e per un processo psicoeducativo che insegni alle famiglie e ai pazienti, giovani e adulti, a riconoscere la sintomatologia e le problematiche associate. Ma a chi si devono rivolgere i genitori per capire se il figlio soffre di questo disturbo? Il neuropsichiatra infantile ha un ruolo fondamentale nella diagnosi: esamina la storia clinica del paziente; svolge esami neurologici, verifica il sistema motorio, la forza muscolare, la coordinazione e i riflessi del piccolo paziente; valuta le abilità cognitive, lo stato di ansia, l’umore e il tipo di alimentazione; sottopone ai genitori e agli insegnanti dei questionari sul comportamento del bambino.

 

Fonti / Bibliografia

  • Cos'è l'ADHD -Il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività, o ADHD, è un disturbo evolutivo dell’autocontrollo. Esso include difficoltà diattenzione e concentrazione, di controllo degli impulsi e del livello diattività. Questi problemi derivano sostanzialmente dall’incapacità del bambinodi regolare il proprio comportamento in funzione del trascorrere del tempo,degli obiettivi da raggiungere e delle richieste dell’ambiente. E’ beneprecisare che l’ADHD […]
  • Dopamina, sai come funziona il meccanismo della “ricompensa”? | Humanitas SaluteLa dopamina è un neuromediatore molto potente, in grado di interagire con i nostri comportamenti perché viene rilasciato dal cervello ogni volta che proviamo gratificazione e soddisfazione. Proprio perché ognuno di noi è portato a ricercare e a ricreare quelle sensazioni che ci hanno fatto provare soddisfazione, la dopamina mette in modo ciò che viene … Continua a leggere
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sette mesi con piccolissime cisti dei plessi corioidei

02/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

In generale la sola presenza di cisti dei plessi corioidei, anche se richiede controlli non desta preoccupazione. Diverso è il caso in cui, in prossimità dei plessi corioidei, si sviluppano le cosiddette cisti aracnoidee.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti