Al via ObeCity, un progetto contro l’obesità

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 05/06/2019 Aggiornato il 05/06/2019

L’obesità è un problema sempre più diffuso, anche nei bambini. Per contrastarlo, è nato un progetto mirato: ObeCity. Ecco di che cosa si tratta

Al via ObeCity, un progetto contro l’obesità

Si chiama ObeCity l’ultimo progetto nato per contrastare una malattia sempre più diffusa in tutto il mondo: l’obesità. Solo in Italia ne soffrono sei milioni di persone, a cui vanno aggiunti altri 25 milioni di individui in sovrappeso. Una piaga che purtroppo non risparmia nemmeno i più piccoli: 1 bambino italiano su 8, infatti, è obeso e 1 su 4 in sovrappeso. Ecco perché esperti, associazioni e istituzioni si stanno battendo da tempo per promuovere corretti stili di vita e informare la popolazione sull’argomento.

Fare prevenzione

ObeCity è un’iniziativa promossa da SG Company, uno dei principali player in Italia nella comunicazione integrata Live & Digital, con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dell’obesità. Il nome non è causale: deriva dall’incontro fra le parole obesità e city, ossia tra un problema e un luogo. La speranza è che un contesto sicuro come la propria città() possa aiutare le persone a fare una corretta prevenzione e, laddove necessario, una corretta cura. “Con ObeCity vogliamo contribuire attivamente alla lotta contro l’obesità portando l’attenzione su una malattia che necessita di maggior eco mediatica e più consapevolezza da parte della cittadinanza” ha spiegato Davide Verdesca, Chairman & CEO di SG Company.

In che cosa consiste ObeCity

La lotta all’obesità portata avanti da ObeCity si giocherà su più fronti. Innanzitutto attraverso un roadshow organizzato in diverse piazze italiane. La prima tappa, organizzata a Catania il 18 maggio, è stata un successo: tutti i cittadini hanno potuto visitare il villaggio allestito in Piazza Università, e praticare sport, ricevere materiale informativo sulla malattia e sugli di vita da seguire, sottoporsi a una visita gratuita per misurare il BMI (body mass index) o Indice di Massa Corporea, testare la glicemia, provare la pressione arteriosa ed effettuare l’elettrocardiogramma. Il prossimo step sarà la realizzazione della “Guida per conoscere, prevenire e combattere l’obesità” a opera di un advisory board, composto da 10 esperti del mondo scientifico, della nutrizione e della comunicazione, presieduto dal professor Michele Carruba, presidente Centro Studi e Ricerche sull’Obesità dell’Università degli Studi di Milano. Il volume sarà presentato l’11 ottobre in occasione della giornata mondiale dell’obesità.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

 

La lotta all’obesità dovrebbe cominciare fin dalla gravidanza e dai primi anni di vita del bambino. Ecco perché i genitori hanno un ruolo fondamentale: spetta a loro insegnare i corretti stili di vita ai propri figli, proponendo un’alimentazione sana e bilanciata e incoraggiando la pratica sportiva. Questo è anche uno dei messaggi dell’iniziativa ObeCity.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti