Al via uno studio sul legame fra Covid-19 e MIS-C nei bambini

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 26/01/2022 Aggiornato il 26/01/2022

La MIS-C è una serie malattia infiammatoria che può comparire nei bambini che hanno avuto il Covid-19. Un nuovo studio mira a capire meglio il legame fra i due

Al via uno studio sul legame fra Covid-19 e MIS-C nei bambini

Ormai è stato dimostrato con chiarezza che il Covid-19 non risparmia nemmeno i bambini. Non solo la popolazione pediatrica può ammalarsi quasi al pari di quella adulta, ma può sviluppare anche una seria complicanza: la sindrome infiammatoria multisistemica pediatrica o MIS-C.

Lo studio coordinato dal Gaslini di Genova

Proprio per capire meglio questa malattia, e in particolare le sue origini genetiche, la Rete Italiana Salute dell’Età Evolutiva (Rete IDEA), che riunisce tutti gli IRCCS pediatrici italiani, ha deciso di avviare uno studio, finanziato dal Ministero della Salute, che sarà coordinato dall’IRCCS Istituto Giannina Gaslini di Genova.

Che cos’è la MIS-C

La MIS-C è una risposta infiammatoria che si verifica in alcuni bambini in seguito al contatto con il virus SARS CoV-2. In genere, compare da due a sei settimane di distanza dall’infezione Covid-19, anche in bambini che sono stati asintomatici. Si manifesta con sintomi come disturbi gastrointestinali (dolore addominale, nausea e vomito), febbre elevata, ipotensione, shock, sofferenza miocardica, insufficienza cardiaca e alterazioni neurologiche (meningite asettica ed encefalite).

Inoltre, in molti casi compaiono anche i segni e i sintomi tipici della malattia di Kawasaki(), un’altra malattia pediatrica, che è caratterizzata da infiammazione dei vasi sanguigni, in particolare: congiuntivite, dilatazioni (aneurismi) delle arterie coronarie, eruzione cutanea, congiuntivite e alterazioni della mucosa delle labbra.

Come si cura

La MIS-C è una malattia seria, che richiede un intervento tempestivo. In genere, per trattarla, si ricorre a un’infusione di immunoglobuline  per endovena (la cura standard per la malattia di Kawasaki), corticosteroidi a dosaggio elevato e, nei casi più gravi, anakinra, un farmaco biologico che inibisce una sostanza che favorisce  l’infiammazione, l’interleuchina-1. In diversi casi è necessario il ricovero in terapia intensiva e l’utilizzo interventi di sostegno del circolo e della funzione respiratoria. 

Colpa dei geni

Secondo le prime ipotesi, la MIS-C ha una genesi post-infettiva, deriva cioè da una reazione immunitaria anomala all’infezione da Sars Cov-2 in bambini predisposti geneticamente. Per questo, uno degli obiettivi del nuovo studio sarà capire se i geni che rendono suscettibili alla malattia di Kawasaki sono coinvolti anche nella MIS-C. 

 

 

 
 
 

Da sapere!

I bambini colpiti da Covid-19 non rischiano solo di essere soggetti a problemi respiratori e alla MIS-C, ma anche ad altre complicanze come il Long Covid.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti