Abitudini alimentari più sane per i figli che mangiano a casa

Silvia Camarda
A cura di Silvia Camarda
Pubblicato il 15/04/2019 Aggiornato il 15/04/2019

Mangiare in famiglia migliora le abitudini alimentari dei ragazzi. Favorito anche un maggior consumo di frutta e verdura

Abitudini alimentari più sane per i figli che mangiano a casa

Mangiare in famiglia, mangiare più sano! È la conclusione cui sono giunti alcuni ricercatori dell’Università di Guelph del Canada a seguito di uno studio sulle abitudini alimentari pubblicato sulla rivista scientifica Journal of the American Medical Association. Secondo questa ricerca, pranzare e cenare con genitori, fratelli e sorelle favorisce una dieta più corretta e salutare per tutti, anche per i figli, perché aumenta il consumo di frutta e verdura, riducendo quello del cibo “spazzatura” (junk food).

Coinvolti 2.700 giovani

È questo il campione analizzato, che viveva negli Stati Uniti in famiglia con i genitori, attraverso un questionario che indagava sulle abitudini alimentari. Veniva per esempio chiesto  quanto spesso si mettevano a tavola con i genitori e quale era il consumo di frutta, verdura, bevande gassate, cibo da asporto e fast food. Tramite un questionario è stata poi valutata anche la “funzionalità familiare”, cioè il grado di armonia all’interno della famiglia, il tipo di comunicazione tra i membri della famiglia, i loro legami e il coinvolgimento affettivo, il modo in cui la famiglia cercava di risolvere i problemi e il controllo dei comportamenti, per valutare quanto tutto ciò potesse influenzare le abitudini alimentari.

Più frutta e verdura e meno junk food

Dall’analisi dei risultati era emerso che quando in famiglia c’è l’abitudine di mettersi insieme a tavola, gli adolescenti mangiano più frutta e verdura e c meno cibo da fast food o da asporto; i maschi, in particolare, assumono meno bevande gassate. Mangiare tutti insieme in famiglia, anche solo una volta al giorno, è inoltre risultato importante anche perché è un momento di dialogo e di condivisione. Infine, conclude Kathryn Walton, fra gli autori della ricerca, “si possono rinsaldare i legami familiari e definire delle abitudini alimentari salutari”.

 

 

Da sapere!

L’adolescenza è un’età cruciale anche dal punto di vista alimentare perché i ragazzi tendono a mangiare male e a ingrassare.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Quarto cesareo: quali rischi?
09/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Affrontare un cesareo, dopo averne effettuati altre tre, espone la donna a numerose eventualità spiacevoli che è bene considerare prima di decidere per una nuova gravidanza.  »

Bimba che sta attraversando i “terribili due anni”
03/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

A due anni il bambino può diventare terribile. E' una fase della crescita sana e naturale che si può affrontare senza soccombere. Basta sapere come è meglio fare.   »

Vaccinazione DTP: è da fare in gravidanza?
02/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Oggi viene considerato opportuno sottoporre le donne incinte al richiamo vaccinale contro difterite, tetano e pertosse affinché il nascituro possa contare su anticorpi sufficienti a proteggerlo, nei primi mesi di vita, dalle tre malattie.   »

Fai la tua domanda agli specialisti