Alimentazione bambini: i figli sono quello che mangiano i genitori

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 05/09/2016 Aggiornato il 05/09/2016

Genitori, attenzione alla dieta: influenzerà tantissimo quella dei figli anche in futuro. Esiste infatti una forte connessione tra le due diete. Nel bene e nel male

Alimentazione bambini: i figli sono quello che mangiano i genitori

Il detto del filosofo Ludwig Feuerbach, “Siamo quello che mangiamo”, sembra proprio confermato. Lo dice un recente studio americano in relazione al fatto che l’alimentazione dei figli sarebbe lo specchio di quella dei genitori. Un gruppo di ricercatori dell’Università del Delaware, negli Stati Uniti, avrebbe condotto una ricerca pubblicata sul Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics che dimostrerebbe, appunto, la stretta relazione tra le due diete.

Studiata la dieta di quasi 700 famiglie

A tutte le famiglie è stata esaminata l’alimentazione relativa a 3 giorni, di cui almeno uno infrasettimanale e uno del fine settimana, per verificare la qualità delle abitudini alimentari dei genitori e dei figli. Dall’analisi dei dati ottenuti, sono state poi calcolate le calorie totali introdotte ogni giorno e quanta verdura, frutta e latticini a basso contenuto di grassi erano presenti nella dieta quotidiana.

Poche verdure e troppe calorie vuote

I risultati emersi, al netto di variabili come la zona in cui viveva il campione e l’indice di massa corporea, dimostravano che la dieta dei genitori era il più forte predittore della qualità della dieta del bambino. E della loro salute futura!!! In particolare, erano due i fattori negativi emergenti:

1.     Il consumo di poche verdure.

2.     L’assunzione di troppe calorie vuote, cioè cibi ricchi di zuccheri che forniscono energia, ma non nutrienti, come proteine, sali minerali e vitamine.

Dieta famigliare da cambiare

Secondo gli studiosi, questa relazione tra dieta genitori e dieta figli potrebbe portare, tuttavia, a migliorare le iniziative per ridurre il rischio di patologie cardiovascolari connesse al sovrappeso e obesità, come infarto, ictus e diabete.

 

 

In breve

TALI PATER, TALIS FILIUS

Mai detto latino fu più appropriato! Nel senso che ancora un’altra evidenza scientifica sosterebbe che se i genitori non danno il buon esempio “alimentare” sarà molto improbabile che i figli avranno buone abitudini alimentari. Insomma, se i genitori consumeranno poca verdura, molto sicuramente anche i loro figli non la mangeranno regolarmente.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti