Alimentazione bambini: i figli sono quello che mangiano i genitori

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/09/2016 Aggiornato il 05/09/2016

Genitori, attenzione alla dieta: influenzerà tantissimo quella dei figli anche in futuro. Esiste infatti una forte connessione tra le due diete. Nel bene e nel male

Alimentazione bambini: i figli sono quello che mangiano i genitori

Il detto del filosofo Ludwig Feuerbach, “Siamo quello che mangiamo”, sembra proprio confermato. Lo dice un recente studio americano in relazione al fatto che l’alimentazione dei figli sarebbe lo specchio di quella dei genitori. Un gruppo di ricercatori dell’Università del Delaware, negli Stati Uniti, avrebbe condotto una ricerca pubblicata sul Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics che dimostrerebbe, appunto, la stretta relazione tra le due diete.

Studiata la dieta di quasi 700 famiglie

A tutte le famiglie è stata esaminata l’alimentazione relativa a 3 giorni, di cui almeno uno infrasettimanale e uno del fine settimana, per verificare la qualità delle abitudini alimentari dei genitori e dei figli. Dall’analisi dei dati ottenuti, sono state poi calcolate le calorie totali introdotte ogni giorno e quanta verdura, frutta e latticini a basso contenuto di grassi erano presenti nella dieta quotidiana.

Poche verdure e troppe calorie vuote

I risultati emersi, al netto di variabili come la zona in cui viveva il campione e l’indice di massa corporea, dimostravano che la dieta dei genitori era il più forte predittore della qualità della dieta del bambino. E della loro salute futura!!! In particolare, erano due i fattori negativi emergenti:

1.     Il consumo di poche verdure.

2.     L’assunzione di troppe calorie vuote, cioè cibi ricchi di zuccheri che forniscono energia, ma non nutrienti, come proteine, sali minerali e vitamine.

Dieta famigliare da cambiare

Secondo gli studiosi, questa relazione tra dieta genitori e dieta figli potrebbe portare, tuttavia, a migliorare le iniziative per ridurre il rischio di patologie cardiovascolari connesse al sovrappeso e obesità, come infarto, ictus e diabete.

 

 

 
 
 

In breve

 

TALI PATER, TALIS FILIUS 

Mai detto latino fu più appropriato! Nel senso che ancora un’altra evidenza scientifica sosterebbe che se i genitori non danno il buon esempio “alimentare” sarà molto improbabile che i figli avranno buone abitudini alimentari. Insomma, se i genitori consumeranno poca verdura, molto sicuramente anche i loro figli non la mangeranno regolarmente.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio dopo l’ecografia: il bimbo potrebbe essere basso di statura?

15/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elsa Viora

I fattori che determinano la crescita durante la vita intrauterina sono diversi da quelli che la influenzano dopo la nascita: un bambino che viene alla luce di due chili potrebbe, da adulto, tranquillamente arrivare ai 190 centimetri di statura, un neonato di 4 chili potrebbe non superare i 170 centimetri....  »

Lievissime perdite di sangue a inizio gravidanza: c’è da spaventarsi?

12/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un lieve sanguinamento nel primo periodo della gravidanza può non essere significativo e questo vale soprattutto se l'ecografia accerta la presenza, in normale evoluzione, della camera gestazionale e dell'embrione.  »

Psicofarmaci in gravidanza: è giusto sospenderli?

05/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

L'impiego degli SSRI è compatibile con lo stato di gravidanza e non espone a particolari rischi, mentre può essere pericoloso sospenderli o anche solo diminuirne il dosaggio rispetto a quello necessario per controllare il disturbo dell'umore.   »

Piccolissimo con diagnosi di reflusso: che fare?

31/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

Non bisogna immediatamente giungere alla conclusione che il rigurgito del latte dopo le poppate, frequentissimo nei primissimi mesi di vita, sia segno di una patologia. Molto più spesso è solo l'espressione di un'immaturità dei meccanismi che impediscono ai liquidi di risalire dallo stomano all'esofago,...  »

Gravidanza che sta durando più di 40 settimane: perché?

29/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Una durata della gravidanza compresa tra le 38 e le 42 settimane rientra nella normalità. A influenzare la lunghezza della gravidanza è anche la familiarità.  »

Fai la tua domanda agli specialisti