Alimentazione bambini: il decalogo degli esperti del Bambino Gesù

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/04/2014 Aggiornato il 24/04/2014

Se il bambino non mangia alcuni cibi, può andare incontro a disturbi alimentari. Ecco il decalogo per l’alimentazione dei bambini, stilato dai pediatri dell’ospedale Bambino Gesù

Alimentazione bambini: il decalogo degli esperti del Bambino Gesù

Quando il piccolo non mangia, solitamente il pediatra rincuora la mamma sostenendo che quando avvertirà lo stimolo della fame si nutrirà. Dunque, ciò che gli esperti sottolineano sempre, a proposito dell’alimentazione dei bambini, è l’importanza di non forzare i bambini al cibo, neppure ad alcuni tipi di alimenti in particolare.

Avversione verso alcuni cibi

Però se, negli anni, l’alimentazione dei bambini presenta una costante e marcata avversione nei confronti di alcuni alimenti (soprattutto se si tratta di cibi sani come frutta e verdura), allora potrebbe andare incontro in futuro a disturbi del comportamento alimentare (obesità, bulimia, anoressia). La selettività alimentare del bambino è una modalità molto frequente nei piccoli sotto i 2-3 anni, anzi è considerata una sorta di necessario passaggio verso la consapevolezza del gusto del cibo. Ma se tale forma di selezione si protrae nel tempo (dopo i 4 anni di età) allora può cronicizzarsi e necessitare di un intervento da parte dei genitori e del pediatra. Molte delle responsabilità di questa selettività portata avanti nel tempo, sono da attribuire a mamma e papà, in particolar modo alle cattive abitudini perpetrate in famiglia. Tra queste, le più dannose figurano:

– eccesso di proteine animali nella dieta (porta all’obesità)

– diminuzione del consumo di frutta e verdura proporzionalmente con l’età

– consumo dei pasti davanti alla tv

– mancanza di convivialità nel consumo del cibo

– perdita dell’abitudine alla prima colazione

10 consigli dei pediatri

Per prevenire e combattere la selettività alimentare (che colpisce circa il 30% dei bambini) e la neofobia (avversità verso alcuni tipi di cibo), gli esperti del Bambino Gesù hanno redatto un decalogo di consigli pratici per migliorare l’alimentazione dei bambini.

– Seguire la stessa alimentazione per tutta la famiglia. Dunque stop ai pasti differenziati e personalizzati.

– Riproporre gli alimenti più volte, senza fermarsi al primo “no”, ma invogliando il bambino al progressivo assaggio dell’alimento respinto.

– Non costringere mai i bambini a mangiare un alimento in particolare: questo comportamento può portare più danni che benefici.

– Rispettare gli orari dei pasti.

– Non giocare né guardare la tv mentre si mangia.

– Familiarizzare con il cibo rifiutato attraverso una sperimentazione sensoriale piacevole.

– Portare il bambino a fare la spesa, rendendolo consapevole e curioso.

– Coinvolgere il bambino nella preparazione dei pasti, cucinando insieme e divertendosi.

– Assaggiare insieme ciò che si è cucinato, gustando appieno ogni sensazione e condividendo le reciproche impressioni.

– Far diventare la cucina una vera e propria occasione di festa con tanto di cappello da chef e grembiulino.

In breve

GIA’ DALLO svezzamento

Non è mai troppo presto per avviare una corretta educazione alimentare. Il piccolo deve infatti instaurare un sano rapporto con il cibo già dalle prime fasi dello svezzamento.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti