Alimentazione bambino da 0 a 3 anni

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/07/2015 Aggiornato il 21/07/2015

A breve le linee guida sull’alimentazione nei primi 1.000 giorni di vita del bambino

Alimentazione bambino da 0 a 3 anni

A breve (probabilmente a settembre) il ministero della Salute, in collaborazione con alcuni pediatri, pubblicherà le Linee Guida per l’alimentazione dei bambini nei primi 1.000 giorni di vita per aiutare le mamme ad alimentare i loro bambini. Pensiero unanime di tutti i pediatri, Giovanni Corsello in primis, presidente della Società italiana di pediatra, è che il modo di alimentarsi nei primi due anni di vita ha una fortissima incidenza per la salute e lo stile di vita futuri dell’adulto, oltre naturalmente a garantire il benessere del bambino.

8 regole basilari

SVEZZAMENTO

Lo svezzamento deve essere supervisionato sempre da un pediatra, che deve identificare le esigenze nutrizionali specifiche nutrizionali del bebè. Insomma la famiglia non deve essere lasciata da sola in una fase così delicata, ma accompagnata da uno specialista come il pediatra.

LATTE

Per tutto il primo anno di vita del bambino, anche durante lo svezzamento, il latte materno (o quello in polvere se questo non c’è). non deve essere mai abbandonato. Solamente dopo i 12 mesi il latte materno potrà essere sostituito con quello vaccino, facendo comunque attenzione a non esagerare perché si tratta di un alimento molto proteico, fattore di rischio per obesità e sovrappeso.  No a proteine, zuccheri e succhi di frutta! Il latte materno garantisce le esigenze nutrizionali anche dopo il primo anno.

PROTEINE.

Essenziali per la crescita del bambino, l’importante è assumerle nelle giuste dosi e ad alto valore biologico come quelle di origine animale (uova, prodotti lattiero caseari, carne e pesce), ma anche di origine vegetale come quelle dei legumi.

SPUNTINI

Sono importanti per educare il bambino a una migliore distribuzione dell’energia e dei nutrienti durante la giornata, ed evitare i fuori pasto. La colazione, in particolare, deve assicurare il 25-30% del fabbisogno calorico giornaliero.

SICUREZZA

Attenzione alla sicurezza dei prodotti, soprattutto a quelli da strada, in quanto hanno un contenuto di pesticidi, ormoni, fitofarmaci, ogm, contaminanti sicuramente più alti di quelli applicati ai prodotti per l’infanzia, essendo destinati alla popolazione adulta.

ZUCCHERI.

Assunti solo attraverso i cereali e non attraverso i cibi industriali come le merendine.

SALE.

Si riconferma la raccomandazione inserirlo nella dieta del bambino solo dopo il primo anno di vita e comunque sempre con moderazione.

BABY FOOD

Preferire sempre gli alimenti della prima infanzia perché sono “normati” da una legislazione più restrittiva sia dal punto di vista nutrizionale che della sicurezza.

 

 

In breve

IMPORTANTE PER LA SALUTE FUTURA

 Una sana alimentazione fin da piccoli non è solo importante per garantire al bambino un corretto sviluppo nei primi anni di vita, ma pone anche le basi per la sua salute futura, prevenendo malattie come diabete, ipertensione, malattie cardiocircolatorie in generale e molti tumori.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di sette mesi che fa … jumping

03/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non è una buona idea far saltare il bambino tenendolo sotto le ascelle: molto meglio lasciarlo libero a terra, in attesa che impari a gattonare.  »

Educazione di una piccina: quali istruzioni vanno seguite?

27/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I bambini non sono robot: non ci si può aspettare che basti impartire una semplice dritta per ottenere i comportamenti desiderati.   »

Fertilità della donna dopo i 40 anni: cosa la influenza?

19/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

L'età anagrafica condiziona fortemente la possibilità di concepire. Ma non solo: altri fattori entrano in gioco e tra questi c'è il peso corporeo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti