Alimentazione: bastano poche regole per far mangiare sano i bambini

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/10/2014 Aggiornato il 14/10/2014

Un aiuto ai genitori dalla Food and drug administration (Fda) per gestire i capricci alimentari dei bambini

Alimentazione: bastano poche regole per far mangiare sano i bambini

La Food and drug administration (Agenzia per gli alimenti e i medicinali, abbreviato in Fda), l’ente statunitense che regolamenta alimenti e farmaci, ha pubblicato sul suo sito una lista di consigli in materia di alimentazione per aiutare i genitori a far mangiare più sano i bambini.

5 consigli a tavola

– Pianificare i pasti puntando su frutta, verdura, proteine magre, latticini e cereali integrali. Leila Beker del Centro per la sicurezza alimentare dell’Fda spiega che: “la chiave per preparare alimenti sani e che non facciano ingrassare troppo è la programmazione. Bisogna iniziare a pianificare i pasti della famiglia per l’intera settimana. Se è un compito che vi spaventa, iniziate programmando il pranzo per un giorno o due e poi aumentate”.

– Variare sempre l’alimentazione per renderla interessante. Un modo per rendere piacevole il momento del pasto può essere presentare ai bambini frutta e verdura in modo insolito e divertente. Ne determinerà un maggior consumo anche fornire loro quella che gli piace di più, mescolare i cibi in modo insolito, tagliare frutta e verdura in forme divertenti o a pezzetti.

– Farsi aiutare dai propri figli a preparare i pasti e a programmarne il loro consumo di settimana in settimana li aiuterà a sviluppare un’alimentazione sana per sempre. Senza programmazione, si rischia di acquistare prodotti già pronti e meno salutari. E poi è molto utile far vedere ai figli che cosa si sta facendo e dargli il buon esempio. Se i genitori non mangiano cibi sani, nemmeno i figli lo faranno.

– Dare loro porzioni più piccole di quelle degli adulti. Se mangiano troppo avranno facilmente l’abitudine di mangiare fino a quando si sono sazi. “Lasciate che si facciano da soli le loro porzioni” sottolinea la Beker.

– Controllare le etichette. Leggere sempre le etichette per controllare i valori nutrizionali, le fonti di grassi e gli zuccheri. Non bisogna aggiungere grassi o zuccheri extra per rendere il pasto più saporito. 

In breve

CHE COSA FA L’FDA

L’obiettivo principale della Fda è quello di proteggere e garantire la sicurezza e la salute dei cittadini attraverso l’emanazione di regolamenti che controllino l’immissione in commercio di farmaci, alimenti, integratori e additivi alimentari, mangimi e farmaci veterinari, dispositivi e attrezzature mediche, sangue ed emoderivati per trasfusioni e cosmetici. Tra gli strumenti di controllo sono previsti sia valutazioni prima della messa sul mercato sia il monitoraggio post commercializzazione. I corrispettivi europei sono l’Efsa ovvero l’Autorità europea per la sicurezza alimentare e l’Emea (Agenzia europea per i medicinali).

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Reazioni cutanee dopo una puntura di insetto

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

A volte a scatenare reazioni sulla pelle può essere anche l'applicazione dell'antistaminico in crema.  »

Gravidanza e scomparsa improvvisa dei sintomi

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è automatico che la scomparsa dei sintomi tipici della gravidanza sia brutto segno.   »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti