Alimentazione degli adolescenti: monotona e poco bilanciata

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 06/11/2015 Aggiornato il 06/11/2015

L’alimentazione degli adolescenti risulta poco varia e sbilanciata a livello nutrizionale. Ecco che cosa c’è che non va

Alimentazione degli adolescenti: monotona e poco bilanciata

L’alimentazione degli adolescenti, secondo recenti indagini, risulta decisamente monotona e poco equilibrata. Infatti, sulla tavola vincono sempre pasta e carne mentre, purtroppo, perdono i capisaldi della dieta mediterranea ovvero pesce, verdure e legumi. L’alimentazione degli adolescenti, però, è determinata anche dalle scelte di mamma e papà, nonché dalla loro attenzione nei confronti di ciò che viene acquistato.

L’indagine sui ragazzini delle medie

A indagare sull’alimentazione degli adolescenti, è stato uno studio condotto dalla Società italiana di medicina dell’adolescenza (Sima) e dall’Associazione laboratorio adolescenza: “Adolescenza, alimenti per crescere”. Il campione, formato da 2.153 studenti di terza media, ha mostrato di seguire un’alimentazione poco varia e non sempre consapevole.

Il ruolo dei genitori

Dal punto di vista della consapevolezza, sono risultate ovviamente fondamentali le influenze dei genitori. L’alimentazione degli adolescenti è, infatti, guidata anche dalle abitudini familiari e da chi si occupa di cucinare. Se mamma e papà sono attenti agli ingredienti (qualità nutrizionale, provenienza e giusta quantità), allora anche i figli sono destinati a improntare i loro menu a una maggiore e sana varietà.

Questione legumi

Chissà perché, ma pare che i legumi restino una delle maggiori pecche e mancanze nella dieta degli adolescenti e delle loro famiglie. Infatti, si tratta di un alimento fondamentale per crescere sani e fare il pieno di proteine vegetali. I legumi sono alla base della dieta mediterranea, abbassano il colesterolo e la glicemia, nutrono (soprattutto se consumati insieme ai cereali) e costano poco (andando, dunque, a pesare in modo irrisorio sul budget familiare). Eppure, se ne mangiano pochi e spesso neppure figurano sulla tavola. Tra i cibi sani consumati in quantità, però, resiste per fortuna la frutta.

Fare la spesa insieme

Tra le buone abitudini familiari, dovrebbe sempre esserci quella di fare la spesa insieme, se non di mandare direttamente i ragazzi ad acquistare frutta e verdura tra i banchi del mercato. Osservare, scegliere e conoscere sono, infatti, presupposti fondamentali per imparare ad alimentarsi nel migliore dei modi.

 

 

In breve

 MENO GRASSI E ZUCCHERI, PIU’ PESCE E LEGUMI

 La dieta di un adolescente dovrebbe prevedere meno grassi saturi possibili (salumi, formaggi, grassi idrogenati) e pochi zuccheri. Educare i teenager ai cereali integrali, ai legumi e al pesce può risultare inizialmente difficile ma è un dovere verso i propri figli.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti