Alimentazione dei figli: mamme rimandate a settembre

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 16/06/2016 Aggiornato il 16/06/2016

Un’indagine Doxa promuove con riserva le mamme italiane in cucina: il 40% sarebbe incapace di imporre una dieta equilibrata ai propri figli

Alimentazione dei figli: mamme rimandate a settembre

Le mamme italiane faticherebbero a far seguire un’ alimentazione sana ed equilibrata ai propri figli perché 4 su 10 si farebbero prendere dall’ansia. È il risultato dell’indagine Doxa/Unitalia “Le mamme e l’ alimentazione dei loro figli” che ha rilevato i comportamenti e le opinioni di 5 milioni di madri italiane con figli di età compresa tra 1 e 14 anni. Più della metà delle mamme sarebbe preoccupata soprattutto della scarsa presenza di frutta e verdura nel menù.

Mamme ansiose e insicure

Anche se nel 90% dei casi si occupano in prima persona della scelta alimentare dei figli, scegliendo solo prodotti di qualità e made in Italy, le mamme italiane sono molto insicure su cosa è giusto far mangiare e preoccupate che possano prendere cattive abitudini alimentari. Tuttavia, le  mamme si autopromuovono, giudicando il loro livello di informazione:

– buono nel 65% dei casi;

– ottimo nel 17%;

– sufficiente nel 17%;

– non abbastanza informate nell’1%.

Bocciate sui secondi piatti

– 1 su 2 sovrastima la quantità di formaggi da proporre nel menù (3-4 volte a settimana);

– 3 su 10 considerano i legumi un contorno da abbinare a un secondo proteico().

Che cosa portano in tavola

– Pane e pasta quasi tutti i giorni, molto meno presenti cereali, riso e patate;

– carne in media 3 volte alla settimana, con il pollo più frequentemente presente a tavola, perché molto apprezzato da tutta la famiglia, oltre che essere magro e digeribile;

– formaggi da 3-4 volte alla settimana a tutti i giorni nel 33% dei casi;

– legumi da 3-4 volte a settimana a tutti i giorni dal 21% delle mamme;

pesce da 3-4 volte a settimana a tutti i giorni nel 18% del campione.

Poco presenti le verdure

L’alimento meno apprezzato dalla maggior parte dei bambini rappresenta una grossa difficoltà in cucina per le mamme. Ma la cuoca e food blogger Sonia Peronacci suggerisce alcuni “trucchi” per aumentare la gradibilità delle verdure:

– Giocare con le forme: sicuramente un bambino storcerà il naso di fronte a un canonico piatto di petto di pollo con verdure, ma non potrà resistere adun bruco di polpette di pollo che striscia su un letto di crema di spinaci o broccoli. Disegni e decorazioni nel piatto attraggono maggiormente i piccoli. Certo, aumenta il tempo trascorso in cucina ma ne varrà la pena;

– trasformare quello che si può in due preparazioni che ai bambini piacciono molto: purè e polpette, magari mescolando un po’ gli ingredienti. Se al bambino non piace il cavolfiore, si può aggiungere anche una patata e del formaggio grattugiato;

– nascondetre le verdure come ripieno. Un esempio? Pasta fresca verde (con spinaci) o rosa fluo (con barbabietola).

 

lo sapevi che?

Secondo la piramide alimentare dei bambini, frutta e verdura devono essere presenti tutti i giorni nella misura di 5 porzioni al giorno.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Dubbi sulla lunghezza della circonferenza cranica
15/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

La valutazione dell’andamento della crescita del cranio è un dato molto importante nel primo anno di vita e deve essere confrontato con il peso, la lunghezza e più genericamente con lo sviluppo globale del bambino.  »

Bebè con muscoli del collo deboli: che fare?
12/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

Ci sono semplici esercizi che possono irrobustire il collo del lattante.   »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti