Alimentazione dei figli: mamme rimandate a settembre

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/06/2016 Aggiornato il 16/06/2016

Un’indagine Doxa promuove con riserva le mamme italiane in cucina: il 40% sarebbe incapace di imporre una dieta equilibrata ai propri figli

Alimentazione dei figli: mamme rimandate a settembre

Le mamme italiane faticherebbero a far seguire un’ alimentazione sana ed equilibrata ai propri figli perché 4 su 10 si farebbero prendere dall’ansia. È il risultato dell’indagine Doxa/Unitalia “Le mamme e l’ alimentazione dei loro figli” che ha rilevato i comportamenti e le opinioni di 5 milioni di madri italiane con figli di età compresa tra 1 e 14 anni. Più della metà delle mamme sarebbe preoccupata soprattutto della scarsa presenza di frutta e verdura nel menù.

Mamme ansiose e insicure

Anche se nel 90% dei casi si occupano in prima persona della scelta alimentare dei figli, scegliendo solo prodotti di qualità e made in Italy, le mamme italiane sono molto insicure su cosa è giusto far mangiare e preoccupate che possano prendere cattive abitudini alimentari. Tuttavia, le  mamme si autopromuovono, giudicando il loro livello di informazione:

– buono nel 65% dei casi;

– ottimo nel 17%;

– sufficiente nel 17%;

– non abbastanza informate nell’1%.

Bocciate sui secondi piatti

– 1 su 2 sovrastima la quantità di formaggi da proporre nel menù (3-4 volte a settimana);

– 3 su 10 considerano i legumi un contorno da abbinare a un secondo proteico().

Che cosa portano in tavola

– Pane e pasta quasi tutti i giorni, molto meno presenti cereali, riso e patate;

– carne in media 3 volte alla settimana, con il pollo più frequentemente presente a tavola, perché molto apprezzato da tutta la famiglia, oltre che essere magro e digeribile;

– formaggi da 3-4 volte alla settimana a tutti i giorni nel 33% dei casi;

– legumi da 3-4 volte a settimana a tutti i giorni dal 21% delle mamme;

pesce da 3-4 volte a settimana a tutti i giorni nel 18% del campione.

Poco presenti le verdure

L’alimento meno apprezzato dalla maggior parte dei bambini rappresenta una grossa difficoltà in cucina per le mamme. Ma la cuoca e food blogger Sonia Peronacci suggerisce alcuni “trucchi” per aumentare la gradibilità delle verdure:

– Giocare con le forme: sicuramente un bambino storcerà il naso di fronte a un canonico piatto di petto di pollo con verdure, ma non potrà resistere adun bruco di polpette di pollo che striscia su un letto di crema di spinaci o broccoli. Disegni e decorazioni nel piatto attraggono maggiormente i piccoli. Certo, aumenta il tempo trascorso in cucina ma ne varrà la pena;

– trasformare quello che si può in due preparazioni che ai bambini piacciono molto: purè e polpette, magari mescolando un po’ gli ingredienti. Se al bambino non piace il cavolfiore, si può aggiungere anche una patata e del formaggio grattugiato;

– nascondetre le verdure come ripieno. Un esempio? Pasta fresca verde (con spinaci) o rosa fluo (con barbabietola).

 

 
 
 

lo sapevi che?

Secondo la piramide alimentare dei bambini, frutta e verdura devono essere presenti tutti i giorni nella misura di 5 porzioni al giorno.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti