Alimentazione emotiva: i bambini la imparano (purtroppo) a casa

Luciana Pellegrino
A cura di Luciana Pellegrino
Pubblicato il 28/08/2018 Aggiornato il 28/08/2018

Alimentazione emotiva: sempre più genitori consolano i propri figli con il loro cibo preferito, per calmarli quando sono stressati, arrabbiati o tristi. Così però si imposta un rapporto non sano con il cibo

Alimentazione emotiva: i bambini la imparano (purtroppo) a casa

L’alimentazione emotiva, detta anche fame nervosa o emotional eating, non c’entra nulla con la genetica, ma sarebbe conseguenza di comportamenti e abitudini adottati dai genitori con i propri figli, come per esempio dandogli il loro cibo preferito per consolarli quando sono troppo arrabbiati, tristi o agitati. È quanto afferma una ricerca portata avanti da un team di studiosi della University College di Londra e pubblicata anche sulla rivista Pediatric Obesity.

La genetica non c’entra

Lo studio è stato condotto su 400 coppie di gemelli etero e omozigoti, della stessa età, metà dei quali con genitori dal peso normale e metà con genitori obesi. Ai genitori è stato chiesto se i propri figli mangiavano di più quando erano arrabbiati o di meno quando erano tristi. Dal sondaggio è emerso che era minima la differenza tra le risposte di entrambe le categorie. Questo starebbe a indicare che i geni non c’entrano nulla, anche se si tratta di un’abitudine che  si può trasmettere da una generazione all’altra, e che la causa principale dell’alimentazione emotiva sarebbe da ricondursi all’ambiente domestico.

A rischio disturbi alimentari

Secondo la coordinatrice dello studio, Clare Llewellyn, mangiare in modo emotivo indicherebbe una relazione non sana con il cibo poiché i genitori lo usano come strumento di consolazione o ricompensa, anziché trovare strategie più adeguate per gestire le emozioni dei figli. La tendenza a mangiare di più per via di un’emozione negativa potrebbe inoltre rappresentare un fattore di rischio per l’obesità ma anche per disturbi alimentari come anoressia o binge-eating.

Cambiare atteggiamento subito

Contro l’alimentazione emotiva, la dottoressa Llewellyn suggerisce ai genitori di non usare il cibo per calmare i propri figli ma cercare di capirli, sedendosi accanto a loro e parlargli, o se sono troppo piccoli, abbracciarli.

 

 

 
 
 

Da sapere

ATTENZIONE AL COMFORT FOOD

Nell’alimentazione emotiva rientra il cosiddetto comfort food, ovvero tutti quei cibi ipercalorici e ricchi di zuccheri che donano una immediata ma breve sensazione di benessere, con il conseguente desiderio di altri zuccheri. Ciò dà vita a una vera e propria dipendenza che è all’origine della maggior parte dei problemi di sovrappeso.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ancora podalico in 31ma settimana
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il bambino può "mettere la testa a posto", ossia assumere la posizione cefalica, anche quando mancano solo poche settimane alla data del parto.   »

Dopo il vaccino niente farmaci per più di un mese?
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'indicazione di non somministrare alcuna medicina (escluso l'antifebbrile) nelle sei settimane successive alla vaccinazione è scorretta.   »

Gemellino che all’improvviso si comporta male
03/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Dietro ad atteggiamenti che all'improvviso diventano aggressivi e difficili da gestire c'è sempre una rabbia che il bambino deve imparare ad allontanare. Fargliela disegnare può essere d'aiuto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti