Alimentazione: i nostri bambini mangiano davvero male?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/03/2014 Aggiornato il 12/03/2014

Un recente studio rivela che l’alimentazione dei bambini è spesso sbilanciata e scorretta e caratterizzata da abitudini poco sane. Ecco quali 

Alimentazione: i nostri bambini mangiano davvero male?

L’Italia è considerato uno dei Paesi in cui si mangia meglio in assoluto. Eppure, l’alimentazione dei nostri bambini è decisamente scorretta. Lo rivela la ricerca “Lo stile di vita dei bambini e dei ragazzi”, realizzata da Ipsos per Save the Children e Mondelez.

Poca frutta e verdura

Secondo l’indagine, l’alimentazione seguita dalla maggior parte dei bambini italiani è sbilanciata sia dal punto di vista qualitativo sia da quello quantitativo. Il primo dato che emerge riguarda la tipologia degli alimenti consumati dai ragazzini. Sono ancora troppo pochi quelli che mangiano frutta e verdura a ogni pasto, come invece consigliato dagli esperti:  solo il 35%. Una percentuale che è addirittura in calo rispetto al 2012, quando era pari al 37%. Anche il numero di quelli che consumano frutta e verdura una volta al giorno è in diminuzione: 35% contro il 39% dell’anno precedente. Invece, sono moltissimi i bambini che non introducono mai questi alimenti o lo fanno massino due volte a settimana: 31% contro il 24% del 2012.

Niente colazione

L’altra nota dolente in fatto di alimentazione dei bambini riguarda la prima colazione, un pasto fondamentale che dovrebbe fornire il 25% delle calorie giornaliere. Infatti, il 9% dei bambini non la fa mai e il 16% solo saltuariamente. Più passano gli anni e più la situazione peggiora: il 14% dei 14-17enni non lo consuma mai a casa ma al bar.

Troppi snack

Di contro, sono molto apprezzati i fuori pasto. Il 70% dei bambini fa spuntini nell’arco della giornata e la tendenza cresce al crescere dell’età, mentre solo un bambino su quattro fa merenda a metà mattina o metà pomeriggio e solo uno su cinque fa due break al giorno, come suggerito dai pediatri.

A cena troppa tv

Per quanto riguarda la cena, il problema è un altro: la scarsa partecipazione della famiglia a un momento che dovrebbe essere piacevole per tutti. Sebbene nel 90% dei casi tutti i membri si riuniscano intorno allo stesso tavolo, spesso si parla poco. La colpa? Principalmente della Tv. Nel 40% delle famiglie è sempre accesa al momento della cena e nel 35% lo è occasionalmente. Solo 1/4 dei nuclei famigliari decide di tenerla spenta quando si mangia.

Si associa alla sedentarietà

La cattiva alimentazione, comunque, non è l’unico problema. Occorre tenere presente, infatti, che spesso si associa a uno stile di vita sedentario, caratterizzato da un’inadeguata attività fisica. A rimetterci è il benessere del bambino, con conseguenze sia sul piano fisico sia su quello emotivo. 

In breve

IL RUOLO DEI GENITORI

Il fenomeno della cattiva alimentazione, ossia di una dieta sbilanciata sia nella quantità sia nella qualità, è molto diffuso fin dai primi anni di vita. La “colpa” non è sempre e solo dei bambini, ma soprattutto dei genitori che li abituano a mangiare male, non educandoli correttamente dal punto di vista alimentare e non fornendo loro esempi positivi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti