Alimenti senza glutine per tutti i bambini? Meglio di no

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 14/07/2016 Aggiornato il 14/07/2016

La nuova tendenza di portare a tavola prodotti senza glutine, senza essere celiaci o allergici al frumento, potrebbe mettere a rischio la salute di tutti, ma soprattutto quella dei bambini

Alimenti senza glutine per tutti i bambini? Meglio di no

Ultimamente è diventato di moda mangiare “gluten free” senza essere celiaci. E le industrie alimentari produttrici di questi prodotti ne avrebbero fatto un vero e proprio business. Ma non sempre è un fatto positivo.

No per tutti!

Secondo un recente studio di alcuni ricercatori del New York-Presbyterian Hospital e Columbia University Medical Center, pubblicato sul Journal of Pediatrics, nutrire un bambino a cui non è stata diagnosticata la celiachia con alimenti senza glutine potrebbe essere non solo non salutare, ma anzi addirittura “nocivo”.

Il glutine non è dannoso

Alla domanda del perché fossero acquistati prodotti gluten free in caso di non celiachia, il campione intervistato non sapeva dare una spiegazione logica. Forse, riferiscono i ricercatori, il motivo potrebbe essere legato ad una distorta mania di salutismo che fa credere che il glutine sia dannoso anche se non si è celiaci. Invece il glutine è utile all’organismo.

Intolleranze non provate

Una dieta senza glutine non fa bene se non si hanno reali e serie intolleranze, che siano state diagnosticate dal medico. Ma ancora più a rischio sarebbero i bambini a cui non è stata diagnosticata una malattia o intolleranza reale. Di frequente i genitori sono spinti dalla convinzione che il bambino “possa essere intollerante” perché magari ha mostrato qualche sintomo così interpretato. E di conseguenza credono, erroneamente, che una dieta senza glutine possa impedire l’insorgenza della celiachia o sia una sana alternativa alla dieta tradizionale. Ma se non ci si rivolge ad un medico specialista e non si effettuano specifici test il tutto può diventare pericoloso.

A rischio adulti e bambini

La dottoressa Norelle R. Reilly, la responsabile dello studio, ha affermato che “ritenere che una dieta senza glutine sia salutare, in assenza di celiachia è un grosso errore”. Non esisterebbero, infatti, prove reali dimostrate scientificamente, che un’alimentazione senza glutine apporti benefici alla salute senza essere celiaci o allergici al frumento. Anzi, come spiega sempre la dottoressa Relly, ci potrebbe essere il rischio di:

·      aumentare l’assunzione di grassi e calorie,

·      contribuire a carenze nutrizionali,

·      coprire una diagnosi reale di celiachia.

Nemmeno per i parenti dei celiaci

Non esisterebbero evidenze e dati a sostegno che il glutine sia tossico. Una dieta priva di glutine non sarebbe necessaria per i parenti di primo grado (sani) di individui con celiachia, così come non lo sarebbe per i neonati sani a rischio di sviluppare celiachia.

 

da sapere

Il glutine è un complesso di proteine presenti nel frumento e in altri cereali come il farro, l’orzo, il kamut e la segale e in tutti i prodotti da essi derivati (pane, pasta, farina, pizza, biscotti e merendine). La sua presenza conferisce agli impasti, ottenuti con le farine che lo contengono, una maggior elasticità, coesione e tenacia.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti