Allarme merenda: è il pasto più a rischio per i bambini

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/07/2014 Aggiornato il 09/07/2014

Squilibrata, pesante, ipercalorica: bocciata la merenda dei bambini. I consigli di nutrizionisti e chef

Allarme merenda: è il pasto più a rischio per i bambini

Secondo dati del progetto nazionale Okkio alla salute, coordinato dall’Istituto superiore della sanità, il 22,2% dei nostri bambini è in sovrappeso e il 10,6% obeso. Colpa anche della merenda, che secondo gli esperti (nutrizionisti e chef) intervistati da Polli Cooking Lab, l’osservatorio sulle tendenze alimentari dell’omonima azienda toscana, è il pasto più “rischioso” della giornata dei bambini (59%) dal punto di vista degli squilibri nutrizionali. Viene, infatti, troppo spesso considerata come il momento nel quale è possibile fare strappi alla regola (lo suppone il 73% degli intervistati), lasciando il bambino libero di mangiare ciò che vuole o esagerando con le quantità.

Come dovrebbe essere

“Una buona merenda pomeridiana fornisce ai bambini un rifornimento energetico ideale nella fase della crescita, evitando un sovraccarico a pranzo e a cena – spiega il professor Andrea Strata, nutrizionista – Deve contenere tutti e 3 i componenti nutrienti: proteine, grassi e carboidrati”. Gli oltre 125 chef nazionali coinvolti nella ricerca suggeriscono di considerare la merenda dei bambini al pari degli altri pasti della giornata. Secondo il 68%, è un pasto a tutti gli effetti, da preparare possibilmente con le proprie mani.

Che cosa prediligere

Tra gli alimenti consigliati emergono verdure e insalata (61%), seguiti da sottoli-sottaceti (59%) e salumi e formaggi (27%). Per una merenda dolce vengono indicate crostate (61%), yogurt (59%), frullato di frutta (42%) e cioccolato fondente (27%). Uno su 2 suggerisce di preparare piatti misti che contengano sia il salato sia il dolce. I nutrizionisti consigliano panini piccoli, da condire con tonno, pomodoro, basilico, un filo d’olio e un po’ di sale, oppure con mozzarella, pomodoro e basilico. Un’alternativa molto valida è la tartina: una fetta sola di pane, da condire con un filo d’olio, due foglie di insalata e crema di vitello. L’obiettivo? Proporre al bambino cibi facili da mangiare mentre va in giro per casa o guarda la tv, creando piatti coreografici, divertenti e molto colorati, che stimolino tutti i sensi. 

In breve

LE ABITUDINI SCORRETTE A TAVOLA

In occasione dell’Obesity week, gli esperti hanno segnalato le abitudini scorrette favorenti l’aumento di peso: il 9% dei bimbi salta la prima colazione, il 65% fa una merenda abbondante, il 44% assume bevande zuccherate e/o gassate.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti