Asma nei bambini migliora con una dieta ricca di pesce

Silvia Camarda
A cura di Silvia Camarda
Pubblicato il 09/04/2019 Aggiornato il 09/04/2019

Il pesce grasso, come salmone, sgombro e sardine, sembra ridurre l’infiammazione polmonare nei bambini affetti da asma. L’importante è mangiarlo almeno due volte alla settimana

Asma nei bambini migliora con una dieta ricca di pesce

A sostenerlo è un gruppo di scienziati della Trobe University di Melbourne (Australia) e dell’Università di Atene (Grecia) in uno studio pubblicato sulla rivista medica Journal of Human Nutrition and Dietetics. Secondo questa ricerca una dieta mediterranea ricca di pesce grasso, come salmone, sgombro e sardine, migliora la funzione polmonare in soli 6 mesi e quindi riduce i sintomi dell’ asma nei bambini.

Tra 5 e 12 anni

I bambini scelti per la ricerca erano residenti ad Atene, con un’età compresa tra i 5 e i 12 anni e soffrivano tutti di una forma lieve di asma. Sono stati suddivisi in due gruppi:

  1. il primo doveva mangiare almeno 150 grammi di pesce grasso cotto due volte alla settimana per 6 mesi;
  2. il secondo (gruppo di controllo) non doveva apportare alcuna modifica al proprio regime alimentare.
Il pesce riduce l’asma nei bambini

Al termine dei 6 mesi di studio, i ricercatori hanno scoperto che il primo gruppo, quello che aveva consumato pesce due volte alla settimana, mostrava una riduzione dell’infiammazione bronchiale di 14 unità: secondo le Linee guida internazionali, un calo superiore a 10 unità può essere considerato significativo.

Merito degli omega 3

La dottoressa Maria M. Papamichael, responsabile dello studio, riferisce che era già noto che una dieta ricca di grassi, zuccheri e sale può influenzare lo sviluppo e la progressione dell’ asma nei bambini, ma questa ricerca dimostra che con una sana alimentazione si possono ridurre i sintomi dell’asma. Il merito sarebbe degli acidi grassi omega 3, di cui è ricco il pesce grasso, che possiedono proprietà anti-infiammatorie.  “Il nostro studio dimostra che basta mangiare pesce due volte alla settimana per ridurre significativamente l’infiammazione polmonare nei bambini affetti dall’asma”.

 

Lo sapevi che?

Gli acidi grassi omega 3 sono detti essenziali, in quanto l’organismo non è in grado di produrli e deve assumerli attraverso l’alimentazione. Essi sono: acido alfa linonelico, l’acido eicosapentanenoico (EPA), e l’acido docosaesaenoico (DHA).

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Esposizione alla diossina: quali rischi per il feto?
16/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Durante la gravidanza, l'esposizione alla diossina non è particolarmente rischiosa per il bambino.  »

Bimba che sta attraversando i “terribili due anni”
03/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

A due anni il bambino può diventare terribile. E' una fase della crescita sana e naturale che si può affrontare senza soccombere. Basta sapere come è meglio fare.   »

Vaccinazione DTP: è da fare in gravidanza?
02/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Oggi viene considerato opportuno sottoporre le donne incinte al richiamo vaccinale contro difterite, tetano e pertosse affinché il nascituro possa contare su anticorpi sufficienti a proteggerlo, nei primi mesi di vita, dalle tre malattie.   »

Fai la tua domanda agli specialisti