Autismo: benefici con i cibi a basso indice glicemico

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/09/2015 Aggiornato il 21/09/2015

Arriva dalla California una scoperta di grandissima importanza: frutta, verdura e cereali integrali, alimenti a basso indice glicemico, diminuirebbero i sintomi dell’autismo

Autismo: benefici con i cibi a basso indice glicemico

Buone notizie per chi soffre di autismo e per le loro famiglie. Una dieta a basso indice glicemico, simile a quella seguita dalle persone che soffrono di diabete, potrebbe diminuire i sintomi dell’autismo. Quindi, se la dieta prevede principalmente frutta, verdura e cereali integrali si allevierebbero di molto i sintomi della malattia. La scoperta è di alcuni ricercatori della Salk Institute for Biological Studies della California ed è stata pubblicata sulla rivista Molecular Psychiatry.

Che cos’è l’indice glicemico

Rappresenta la velocità con cui aumenta la glicemia (ossia il livello di zucchero del sangue) in seguito all’assunzione di alimenti contenenti carboidrati, come pane o altri prodotti da forno. Verdure, pesce, carni magre e cereali hanno un basso indice glicemico e, di conseguenza, non lo aumentano. Viceversa, quei cibi che causano un picco elevato dei livelli di zucchero nel sangue per un periodo di due ore, sono ad alto indice glicemico.

Alimentazione e autismo

Gli esperimenti sono stati effettuati su topolini allevati per sviluppare sintomi simili all’autismo. Dopo averli sottoposti a diete diverse, si è osservato che quelli che seguivano una dieta a basso indice glicemico manifestavano sintomi dell’autismo molto più lievi rispetto a tutti gli altri. Dall’analisi del cervello dei topolini è emerso che erano presenti maggiori segnali di produzione di nuovi neuroni negli animali che si erano nutriti con alimenti a basso indice glicemico, rispetto a quelli che avevano mangiato cibi ad alto indice glicemico. Questi ultimi, viceversa, avevano espresso più geni associati all’infiammazione. Inoltre, questa ricerca ha permesso di ipotizzare nuove teorie, tra queste: un’associazione con l’ecosistema dei batteri intestinali. E su questa nuova ipotesi, i ricercatori hanno deciso di concentrare la loro prossima sperimentazione.

 

 

 
 
 

da sapere!

 I primi segnali dell’autismo si presentano già nei bimbi molto piccoli. Per questo è importante la diagnosi precoce.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti