Baby food: trovati metalli tossici negli alimenti per bambini

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 06/12/2019 Aggiornato il 06/12/2019

Secondo uno studio americano nel 95% dei prodotti di baby food ci sono sostanze tossiche che danneggiano lo sviluppo del cervello dei bimbi

Baby food: trovati metalli tossici negli alimenti per bambini

In seguito alcuni test svolti sul baby food negli Stati Uniti è emerso che ben il 95% degli alimenti per piccoli  analizzati conteneva metalli tossici (tra cui anche arsenico e piombo) che possono danneggiare il quoziente intellettivo dei bambini.

Risultati preoccupanti

Il rapporto, che è stato commissionato dalla Healthy Babies Bright Futures (HBBF) americana, ha analizzato 168 alimenti per bambini dei principali produttori statunitensi, alla ricerca di quattro precisi elementi: arsenico, cadmio, piombo e mercurio. I risultati hanno mostrato che uno su quattro dei prodotti di baby food  testati conteneva tutti i metalli in questione e solo nove dei 168 non ne contenevano affatto. Il 95% conteneva piombo, il 73%  arsenico, il 75% c cadmio e il 32% conteneva mercurio.

Conseguenze sul cervello

La ricerca, condotta su una serie di alimenti sia per neonati sia per bambini, ha evidenziato la presenza di numerosi metalli pesanti estremamente pericolosi: nello specifico favoriscono la presenza  di neurotossine, che compromettono lo sviluppo cerebrale. Il cervello dei bambini, infatti è in via di sviluppo e questi elementi, anche  se presenti in piccole parti nel baby food, possono compromettere il QI. Gli impatti si sommano a ogni pasto o spuntino del bambino.

I cibi più rischiosi

Tra gli omogeneizzati che presentavano il maggior rischio di esposizione ai metalli pesanti c’erano quelli a base di riso a causa dell’elevata concentrazione di arsenico, carote, patate dolci e succhi di frutta. In particolare per i neonati e i bambini, la cui nutrizione è alla base di un sano sviluppo, l’assimilazione di metalli pesanti come l’arsenico e il piombo, può non solo compromettere lo sviluppo delle funzioni cerebrali e il sistema nervoso, ma anche danneggiare lo sviluppo di altri organi.

 

Da sapere!

I risultati dell’indagine attuale confermano quelli di un precedente studio della Food and Drug Organization che aveva già trovato uno o più degli stessi metalli in 33 su 39 tipi di alimenti per bambini presi allora in esame.

 

 

Fonti / Bibliografia
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa: si può fare qualcosa per farla risalire?

27/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Con il passare delle settimane e l'aumento di dimensione dell'utero la placenta tende a spostarsi verso il fondo dell'utero in modo spontaneo, senza che vi sia bisogno di fare nulla per favorire la sua "migrazione".   »

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti