Bambini in sovrappeso: spesso la colpa è del papà

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 24/07/2018 Aggiornato il 31/07/2018

Sono soprattutto i padri a spingere i figli a mangiare più del necessario. Più rischi di bambini in sovrappeso, obesità e diabete

Bambini in sovrappeso: spesso la colpa è del papà

Bambini in sovrappeso già dalla più tenera età? La “colpa” sarebbe non tanto della mamma, quanto del papà. “Mangia, finisci tutto quello che hai nel piatto”: questa tipica frase viene infatti pronunciata più spesso dai padre che dalle madri.

I padri “spingono” a mangiare di più

Questo è quanto sostiene uno studio condotto dall’australiana Queensland University of Technology e presentato in occasione di un congresso europeo sull’obesità: i padri hanno talvolta la  tendenza a sovralimentare i piccoli, aumentando così il rischio di obesità infantile. I ricercatori hanno svolto lo studio confrontando i metodi di alimentazione delle mamme e dei papà. La professoressa Lynne Daniels, a capo dello studio, ha spiegato che i padri si sentivano meno coinvolti nell’alimentazione dei bambini, ma quando lo erano, molti di loro avevano un approccio diverso rispetto alle mamme. Erano più propensi a fare pressione sul bambino perché mangiasse tutto e era meno probabile che gli permettessero di controllare quanto alimentarsi.  Risultato: più bambini in sovrappeso.

Mancanza di informazione

Lo studio in questione è stato condotto su 70 padri, le cui famiglie facevano già parte di una ricerca sulla prevenzione dell’obesità – Nourish –  che ha monitorato circa 700 madri e bambini fino all’età di 5 anni. C’è stata però anche una scoperta positiva. Se vengono loro messe a disposizione informazioni sull’alimentazione sana, i papà mostrano di essere sensibili e si riduce la probabilità che facciano pressione sul loro bambino perché mangi cibo extra. Il problema, dunque, starebbe tutto nella mancanza di nozioni corrette su diete e alimentazione.

Meno attenti alla qualità

Da un altro studio americano, in cui sono state condotte un centinaio di interviste a genitori e figli adolescenti, è emerso che padri e madri influenzano in modo distinto, e talvolta conflittuale, la dieta familiare: mentre le mamme puntano su un’alimentazione salutare, i padri, quando sono incaricati di occuparsi dei pasti, ricorrono spesso a soluzioni veloci e poco salutari, come il fast food o i piatti pronti. Inoltre, è proprio ai padri che i figli tendono a rivolgersi per ottenere quei cibi e quelle bevande che le mamme cercano di convincerli a evitare. La colpa di bambini in sovrappeso, dunque, ricade ancora una volta su di loro.

 

 

 
 
 

Da sapere!

I genitori influenzano lo sviluppo dei gusti e dei comportamenti alimentari dei figli. Sono, quindi, fondamentali sia un’esposizione selettiva a cibi genuini, ma ancor più, il buon esempio.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che tira i capelli alla mamma: che fare?

09/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Afferrare i capelli della mamma anche in maniera così decisa da provocare un forte fastidio non è espressione della volontà diel bambino di "farle del male" quanto piuttosto di un desiderio di appropriarsi totalmente di lei.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti