Bibite zuccherate = più bimbi obesi

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 08/05/2019 Aggiornato il 13/05/2019

Lo si intuiva ma ora c'è anche la prova scientifica: l'abuso di bibite zuccherate nei bambini porta a sovrappeso e obesità. Ecco le cause

Bibite zuccherate =  più bimbi obesi

Esiste un’associazione tra l’insorgenza di sovrappeso e obesità e il consumo di bibite zuccherate, soprattutto in età evolutiva. C’erano già diversi studi in passato che avevano dimostrato che le bibite zuccherate aumentano il rischio di obesità e sovrappeso. Recentemente, però, è stata effettuata “Obesity Facts”, una meta analisi su 30 studi, che ha rimarcato questo rischio soprattutto per i più giovani. I risultati della ricerca sono stati poi pubblicati sulla rivista dell’Associazione Europea per lo studio dell’obesità. In particolare, 20 studi su 30 hanno verificato il legame esistente tra bibite zuccherate e l’obesità nei bambini, mentre 10 hanno preso in considerazione gli adulti. Allo studio hanno partecipato diversi centri di ricerca europei, tra cui l’Istituto speciale di cardiologia preventiva e nutrizione di Salisburgo, gli ospedali universitari di Ginevra e l’Università di Navarra.

Lo studio su 250.000 tra grandi e piccoli

I partecipanti all’esperimento provenivano da diversi Paesi del mondo: p il 33% dall’Europa, il 23% dagli Usa, il 17% dall’America centrale e meridionale, il 7% dall’Australia e il 10% da Sudafrica, Iran, Thailandia e Giappone. Tutti gli studi, tranne uno, hanno dimostrato un legame positivo tra l’insorgenza di sovrappeso e obesità e il consumo di bevande zuccherate.

Serve una politica preventiva

Alla luce dei risultati raggiunti, i ricercatori sono convinti che sia necessario che le politiche di sanità pubblica debbano mirare alla riduzione del consumo di bibite zuccherate e gassate e sostenere alternative più sane come l’acqua.

La situazione in Italia

Nel nostro Paese, per esempio, la Sip (Società italiana di pediatria) insieme alla Sipps (Società di pediatria preventiva e sociale) e al ministero della Salute hanno sviluppato un decalogo anti-obesità da seguire almeno fino ai sei anni di età: solo acqua, evitando succhi di frutta, tè deteinati e tisane zuccherate.

Calorie vuote

Tutte le bevande gassate, i succhi di frutta, il tè deteinato e le tisane zuccherate, non solo non dissetano, ma apportano molte calorie definite “vuote”, cioè inutili, perché è nullo l’apporto di elementi nutritivi utili alla salute.

Da sapere!

Una lattina di aranciata o di cola da 330 ml contiene circa 35 grammi di zuccheri (corrispondenti a 7 zollette di zucchero) e apporta circa 130 calorie.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Streptococco: dubbi e chiarimenti

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Le infezioni da streptococco fanno ancora oggi molta paura, per via delle conseguenze (non automatiche!) che potrebbero determinare. In realtà, oggi questo batterio non fa più (tanta) paura.  »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti