carmen

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/01/2013 Aggiornato il 17/01/2013

Risponde: Dottoressa Francesca Pinto

Una domanda di: carmen73
Sono la mamma di due bimbe, una di 4 anni e una di quasi un anno, che soffre di reflusso da quando è piccola. Vomita facilmente ma la cosa che non riesco a fare è introdurre alimenti solidi, cioè la pastina nel brodo o i biscotti o il pane, infatti devo frullare tutto senza lasciare tracce e nella poca pappa che mangia non posso metterle il formaggio grattugiato perché altrimenti vomita. Sono un po' disperata anche perché vedo che è stanca delle solite pappe, ma non so cosa darle.

Le consiglio di rivolgersi a un gastroenterologo pediatra per un inquadramento del problema e per stabilire oltre all'approccio alimentare anche l'eventuale opportunità di una terapia.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti