Celiachia: un rischio anche per chi è obeso?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/08/2015 Aggiornato il 18/08/2015

Anche i bambini in sovrappeso potrebbero soffrire di celiachia. Ecco come affrontare la situazione

Celiachia: un rischio anche per chi è obeso?

Quando si pensa a un bambino che soffre di celiachia ci si immagina un bimbo gracile, magro, quasi malnutrito. E, invece, non è affatto detto che sia così. Anche i bimbi in sovrappeso, se non addirittura obesi, potrebbero presentare un’intolleranza permanente al glutine. A dirlo è uno studio condotto da un team di ricercatori italiani, del Dipartimento di Pediatria dell’Università La Sapienza di Roma, pubblicato sul Journal of Pediatric Gastroenterology and Nutrition,

 

Alla ricerca degli anticorpi specifici

 

La ricerca ha coinvolto oltre 1.500 bambini, valutati dai medici del centro di dietologia e nutrizione pediatrica dell’università la Sapienza di Roma, perché avevano un peso superiore alla norma. Non solo. Gli autori volevano individuare anche una possibile relazione fra peso corporeo e celiachia e perciò li hanno sottoposti agli esami usati comunemente per la diagnosi di questa malattia, in particolare la ricerca degli anticorpi anti-transglutaminasi, tipici della celiachia, e la biopsia intestinale.

Una percentuale rilevante

Dall’analisi dei risultati è emerso che 17 bambini sui circa 1.500 presi in esame effettivamente soffrivano di celiachia. Non si tratta di un numero trascurabile. Corrisponde, infatti, a oltre l’1% del totale, la stessa prevalenza che si registra nella popolazione italiana. “Lo studio ci ha permesso di comprendere che il morbo celiaco possa associarsi anche in maniera diffusa nella popolazione pediatrica in sovrappeso” ha spiegato spiega la Raffaella Nenna, pediatra e principale autrice della ricerca.

Come intervenire

Ma come si può intervenire in presenza di celiachia associata a obesità? Seguire una dieta priva di glutine non basta. È fondamentale per impedire i sintomi della celiachia, ma non sempre sufficiente per ottenere anche un dimagrimento. Del resto, spesso i prodotti per celiaci contengono una quota maggiore di grassi, proteine e zuccheri.  Ecco perché è necessario che il bambino sia seguito da un nutrizionista che abbia competenze specifiche in questo campo e affrontare nel modo corretto entrambe le malattie.  “In caso di intolleranza al glutine, è bene impostare una dieta corretta e ad hoc con l’aiuto di un nutrizionista” ha aggiunto l’esperta.

 

 

In breve

ATTENZIONE AI SINTOMI ANOMALI

Questo studio ha evidenziato che la celiachia può avere sintomi “anomali”. Se nella maggior parte dei caso provoca diarrea, costipazione, gonfiore e dolore addominale, ritardo della crescita, talvolta può manifestarsi con una stanchezza immotivata o frequente, irritabilità e scarsa capacità di attenzione.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacchi della placenta: che fare?

25/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è necessario osservare il riposo assoluto, in caso di distacco placentare, mentre è consigliabile uno stile di vita senza eccessi.   »

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Fai la tua domanda agli specialisti